Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
TRASPORTO AEREO - American Airlines: inizio lavori del nuovo centro operativo di Fort Worth intitolato a Robert W. Baker. La struttura sarà completata nel 2015. FISCO - Moduli predisposti in ritardo dall'Agenzia delle Entrate, l'Ancl chiede la proroga per i modelli 770 VENDITE - Il Mondiale dello Shopping online: come le vittorie e le sconfitte hanno inciso sugli acquisti durante l’evento in Brasile. L'nfografica MyThings CODICE DELLA STRADA - Omicidio stradale: Nencini, abbiamo previsto l'ergastolo della patente..Non guidi più FISCO - Crediti verso la PA e istituti deflattivi: ampliati, con il DL n. 66/2014 convertito, i casi di applicazione LAVORO - Direttori marketing e direttori comunicazione: gli stipendi viaggiano appaiati BUSINESS - Logistica Collaborativa: l’Italia fa scuola. Dopo gli hub specializzati lanciati da CEVA Logistics in Italia, a Dubai apre i battenti la “Città dell’Energia” EFFICIENZA ENERGETICA - Veronafiere-Smart Energy 2014: un programma scientifico sempre più ricco, nel pieno del semestre europeo di presidenza italiana GOVERNO - Conti pubblici: Padoan, taglio cuneo permanente con legge stabilità LAVORO - Rudy Project e Gea: dall'innovazione di prodotto sportivo all'innovazione nelle Risorse Umane EDILIZIA - Scia e Permesso di costruire: pubblicati in G.U. gli schemi semplificati CRISI - Lavoro: Cgia, del milione di lavoratori che in questi anni ha perso il posto di lavoro, oltre 420 mila sono autonomi FISCO - Moratoria dei finanziamenti alle Pmi: proroga al 31 dicembre 2014 FISCO - Deducibilità Ace: novità del Decreto Competitività UE - Consiglio europeo: Van Rompuy candida Enrico Letta a presidente SENATO - Riforme: discussione generale e si chiude, forse, domani. Molti i lavori in scadenza ENERGIA - Governo Renzi: Marsiglia (Federpetroli), riforma Titolo V blocca investimenti petroliferi. Si sta procedendo nella direzione sbagliata POS - Obbligo di accettazione per esercenti e professionisti: Mise, avviato il tavolo di confronto annunciato dal ministro Guidi INNOVAZIONE - iNebula: online il nuovo portale con più servizi dedicati ai business partner UE - Importazione riso: governo richiede adozione di misure di salvaguardia europee nei confronti dell'importazione di riso greggio cambogiano

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home Offerte di lavoro LAVORO - Cassazione: legittimo il licenziamento per aver ottenuto rimborsi per trasferte mai effettuate
LAVORO - Cassazione: legittimo il licenziamento per aver ottenuto rimborsi per trasferte mai effettuate PDF Stampa E-mail
Tweet me!
News
AddThis Social Bookmark Button

500_licenziamenti-crack-mutui-subprime1"In tema di licenziamento per giusta causa, ai fini della proporzionalità tra addebito e recesso, rileva ogni condotta che, per la sua gravità, possa scuotere la fiducia del datore di lavoro e far ritenere la continuazione del rapporto pregiudizievole agli scopi aziendali, essendo determinante, in tal senso, la potenziale influenza del comportamento del lavoratore di porre in dubbio la futura correttezza dell'adempimento, denotando scarsa inclinazione all'attuazione degli obblighi in conformità a diligenza, buona fede e correttezza".

E' quanto ribadito dalla Corte di Cassazione che, con sentenza n. 7096 del 9 maggio 2012, ha rigettato il ricorso proposto da un lavoratore avverso la sentenza con cui la Corte d'Appello dichiarava legittimo il licenziamento intimatogli per aver richiesto e in parte ottenuto rimborsi per trasferte non effettuate. La Suprema Corte, sottolineando che la motivazione del giudice territoriale è congrua e priva di vizi logici, afferma che "la giusta causa di licenziamento è nozione legale e il giudice non è vincolato dalle previsioni del contratto collettivo onde lo stesso può ritenere la sussistenza della giusta causa per un grave inadempimento o per un grave comportamento del lavoratore contrario alle norme della comune etica o del comune vivere civile ove tale grave inadempimento o tale grave comportamento, secondo un apprezzamento di fatto non sindacabile in sede di legittimità se congruamente motivato, abbia fatto venire meno il rapporto fiduciario tra datore di lavoro e lavoratore e, per altro verso, può escludere altresì che il comportamento del lavoratore costituisca di fatto una giusta causa, pur essendo qualificato tale dal contratto collettivo, in considerazione delle circostanze concrete che lo hanno caratterizzato.

Nella fattispecie - precisano i giudici di legittimità - la Corte di merito ha rilevato che "la particolarità dei fatti addebitati, riferibili ad un lungo arco temporale, la natura dell'attività lavorativa, la particolare qualifica rivestita dal lavoratore, direttore di filiale, preposto al controllo di dipendenti ivi addetti, l'abusiva condotta di trarre vantaggio patrimoniale dalla posizione di vertice nell'ambito della Filiale, si pongono quali elementi incompatibili con la permanenza in servizio del lavoratore, discendendo dagli stessi la inevitabile e permanente rottura del vincolo fiduciario che per il settore bancario secondo la giurisprudenza assolutamente costante e pacifica, richiede una valutazione più rigorosa rispetto ad altri settori lavorativi.". (Fonte: StudioCataldi.it)

 
inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi