Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
CULTURA - Torna domenica al museo gratuita: il 2 novembre porte aperte in siti archeologici e musei CIBUS TEC - FOOD PACK - Al via le giornate tematiche di filiera: Diary e Tomato SICUREZZA IT - Kaspersky Lab: 1 utente su 8 non crede alle cyber minacce INTERNAZIONALIZZAZIONE - Cittadinanza, questione di investimenti: prima guida italiana sull'argomento ENERGIA - Compost e biometano: da Padova a Ecomondo, un viaggio - studio alla scoperta delle ultime novità. Aggiornamento per tecnici di settore LAVORO - In primo piano a Abcd + Orientamenti: dal 5 al 7 novembre in Fiera a Genova l’International Career Day ZONE ECONOMICHE SPECIALI - Giornata di studio: mercoledì 5 novembre a Como, Università degli Studi dell'Insubria SERVIZI FUNERARI - Settore privo di una legge quadro: Federutility e Sefit, estendere bonus edilizia anche ai cimiteri RICERCA E SVILUPPO - Finanziamenti: Mise, sono 271 le imprese che ne beneficeranno (300 mln fondo programma Horizon 2010) CRISI - Suicidi: in aumento (+59%). Si abbassa l'età. Più disoccupati che imprenditori (Osservatorio suicidi per crisi economica)i INNOVAZIONE - Start-up Marathon: giovani e imprese per far ripartire il Lazio. A Roma giovedì 6 novembre ENERGIA - Offshore Energy Exhibition & Conference 2014: oltre 13mila visitatori (+47%) GIOVANI - Lavoro, formazione, orientamento – Fiera PN 30.31 ottobre ECOMONDO E INDUSTRIA IDRICA - Accordo strategico Rimini Fiera e Federutility: obiettivo, consolidare la sezione "Oro Blu" LAVORO - Manager in affitto: si fa carico della gestione aziendale, affiancando l'imprenditore e sollevandolo dal peso dell'operatività (Short Connection Italia) FORMAZIONE - Bruno Vettore e il generale Gianmarco Bellini ti insegnano l'arte della leadership: a Roma il 12 febbraio 2015 AST - Scontri a Roma: Landini, noi aggrediti. Delrio, paese è solido. Guidi, azienda ha garantito un massimo di 290 esuberi RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI - Decreto presidenziale: Cdm approva in via preliminare DIFESA D'UFFICIO - Riordino della disciplina: Cdm esamina in via preliminare il decreto legislativo REGIONI - Leggi: Cdm ne esamina sei impugnandone una delle Marche

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home Dalla home page IMPRESE- Record rosa: per l'Ocse il 16% delle lavoratrici italiane è "autonoma" o imprenditrice
IMPRESE- Record rosa: per l'Ocse il 16% delle lavoratrici italiane è "autonoma" o imprenditrice PDF Stampa E-mail
Tweet me!
News
AddThis Social Bookmark Button

images_4L'Italia, Paese delle imprese rosa. E' quanto emerge da un rapporto Ocse sull'imprenditoria basato su dati del 2009 di 40 Stati. Secondo tale rapporto, il 16% delle lavoratrici italiane è "autonoma" o imprenditrice. Un record, se si guarda la media europea (10%) o quella di Paesi come Inghilterra, Francia e Germania, dove le imprenditrici sul totale delle occupate sono tra il 6 e 8%.

Più precisamente, il 3,62% delle donne italiane che lavorano sono imprenditrici; freelance il 12,62%. Realisticamente, piccole imprenditrici: le aziende con proprietario singolo e almeno un dipendente guidate da donne, nel nostro Paese sono il 26,8% del totale; in gran parte si tratta di imprese con meno di 5 dipendenti. Grazie a questi dati, il nostro Paese è il secondo in Europa: i settori in cui le donne sono più presenti sono quelli del commercio, dell'accoglienza e dei trasporti. Ancora qualche cifra : il tasso di natalità di imprese guidate da donne, definita come la percentuale rispetto al totale di quelle attive, nel 2009 è stato del 13,7%, superiore a quello registrato per le aziende guidate da uomini (10,9%). Il tasso di sopravvivenza a tre anni dalla creazione è stato del 37,6%, leggermente inferiore a quello delle imprese a guida maschile (37,8%).

Nel 2011 sono nate circa 10mila nuove imprese gestite da donne, localizzate in prevalenza nel Centro Nord. Il tasso di crescita è stato del 10,7% rispetto all'anno precedente contro lo 0,2% registrato dalle imprese maschili. Tale primato ha una giustificazione, che va ricercata in una caratteristica italiana: il nostro è un popolo di lavoratori autonomi per spirito d'iniziativa, quasi sempre per mancanza di alternativa. Sono presenti, infatti, circa otto milioni di partite Iva.

Chi vuole lavorare, spesso deve inventare da sé il proprio lavoro. E questo vale soprattutto per le donne, visto che l'Italia detiene anche il primato, negativo, di donne non occupate nel mercato ufficiale. La difficoltà di conciliare la vita familiare con quella lavorativa e l'inadeguatezza dei servizi sociali per la prima infanzia fanno sì che, nel 2010, tra le donne con figli di età minore di 15 anni, le inattive siano il 40%; tra i 25 e i 34 anni, le madri occupate solo il 45% mentre i padri raggiungono l'87%. La conferma viene dall'Istat. Il 30% delle madri (contro il 3% dei padri) ha interrotto il lavoro per motivi familiari e in genere l'occupazione femminile diminuisce con l'aumentare del numero dei figli. Rispetto alla media Ocse, l'Italia su questo aspetto si piazza agli ultimi posti in Europa: 11 punti sotto.

 

Ricevi gratis gli aggiornamenti di questo sito:

Fornito da FeedBurner

inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi