Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
RIPRESA - Intergruppo Parlamentare per la Sussidiarietà: lunedì 27 ottobre in Lombardia con il Viaggio nell’Italia che riparte AZIENDE - Noleggio a lungo termine: è Leasys l'esperto per il noleggio a lungo termine al "Veicoli Commerciali Day" di sabato 25 ottobre LEGGE STABILITA' - Pensioni: il pagamento slitterà al 10 del mese solo per chi ha doppio assegno LAVORO - Openjobmetis presenta un nuovo sondaggio dedicato al sorriso in azienda: risposta affermativa per più del 70% FISCO - Acri su incremento tassazione Fondazioni: il salto è da 100 a 360 milioni di euro e la retroattività può intaccare il sostegno ad attività già programmate DOMOTICA - Home and Building: anche smart grid, IoT ed efficienza energetica alla sesta edizione a Verona il 28 e 29 ottobre REGIONI - Sardegna: Sardegna Ricerche, presentate le attività di divulgazione scientifica del 2015 GOVERNO - Cdm: convocato per la mattina di domani, giovedì 23 ottobre ENERGIA - Ddall’Enea 10 progetti di tecnologie ‘intelligenti’ per migliorare le città: Testa, nel nostro Dna la ricerca e lo sviluppo di tecnologie innovative TURISMO - Enit: auidizione della X Commissione Attività Produttive della Camera del commissario starordinario Radaelli TRENTINO ALTO ADIGE - Coabitare: un’opportunità per il territorio INCONTRI - TMA Cocktail autunno 2014: il caso della moneta complementare. Strumenti di finanza non convenzionale in periodo di crisi EMAIL MARKETING-Editor di MailUp "BeeFree": oltre 20.000 visitatori sul mini-sito BeeFree.io FORMAZIONE - Internazionalizzazione: parte da Roma il programma GoInternational! di Unicredit; corsi gratuiti per le aziende sull'ecommerce PMI - Fattura elettronica: nuovo strumento online e gratuito per compilare, trasmettere e conservare a norma le fatture elettroniche verso la Pubblica Amministrazione SACE - Risultati al 30.09.2014: utile netto € 378 milioni (+15%) LAVORO - Raffineria Gela: Mise, riconversione verde e salvaguardia occupazione diretta e indotta LEGGE STABILITA' - Pensioni: Adiconsum, slittamento duro colpo per pensionati e famiglie con anziani. Renzi riveda norma LEGGE STABILITA' - Ritardo pagamento pensioni: Palazzi (Anap), non occorre accanirsi contro gli anziani: bisogna rilanciare il mercato del lavoro dando prospettive ai giovani UNIVERSITA' - Fondazione Grimaldi: 2 premi alle eccellenze siciliane nella ricerca scientifica a

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home Dalla home page IMPRESE- Record rosa: per l'Ocse il 16% delle lavoratrici italiane è "autonoma" o imprenditrice
IMPRESE- Record rosa: per l'Ocse il 16% delle lavoratrici italiane è "autonoma" o imprenditrice PDF Stampa E-mail
Tweet me!
News
AddThis Social Bookmark Button

images_4L'Italia, Paese delle imprese rosa. E' quanto emerge da un rapporto Ocse sull'imprenditoria basato su dati del 2009 di 40 Stati. Secondo tale rapporto, il 16% delle lavoratrici italiane è "autonoma" o imprenditrice. Un record, se si guarda la media europea (10%) o quella di Paesi come Inghilterra, Francia e Germania, dove le imprenditrici sul totale delle occupate sono tra il 6 e 8%.

Più precisamente, il 3,62% delle donne italiane che lavorano sono imprenditrici; freelance il 12,62%. Realisticamente, piccole imprenditrici: le aziende con proprietario singolo e almeno un dipendente guidate da donne, nel nostro Paese sono il 26,8% del totale; in gran parte si tratta di imprese con meno di 5 dipendenti. Grazie a questi dati, il nostro Paese è il secondo in Europa: i settori in cui le donne sono più presenti sono quelli del commercio, dell'accoglienza e dei trasporti. Ancora qualche cifra : il tasso di natalità di imprese guidate da donne, definita come la percentuale rispetto al totale di quelle attive, nel 2009 è stato del 13,7%, superiore a quello registrato per le aziende guidate da uomini (10,9%). Il tasso di sopravvivenza a tre anni dalla creazione è stato del 37,6%, leggermente inferiore a quello delle imprese a guida maschile (37,8%).

Nel 2011 sono nate circa 10mila nuove imprese gestite da donne, localizzate in prevalenza nel Centro Nord. Il tasso di crescita è stato del 10,7% rispetto all'anno precedente contro lo 0,2% registrato dalle imprese maschili. Tale primato ha una giustificazione, che va ricercata in una caratteristica italiana: il nostro è un popolo di lavoratori autonomi per spirito d'iniziativa, quasi sempre per mancanza di alternativa. Sono presenti, infatti, circa otto milioni di partite Iva.

Chi vuole lavorare, spesso deve inventare da sé il proprio lavoro. E questo vale soprattutto per le donne, visto che l'Italia detiene anche il primato, negativo, di donne non occupate nel mercato ufficiale. La difficoltà di conciliare la vita familiare con quella lavorativa e l'inadeguatezza dei servizi sociali per la prima infanzia fanno sì che, nel 2010, tra le donne con figli di età minore di 15 anni, le inattive siano il 40%; tra i 25 e i 34 anni, le madri occupate solo il 45% mentre i padri raggiungono l'87%. La conferma viene dall'Istat. Il 30% delle madri (contro il 3% dei padri) ha interrotto il lavoro per motivi familiari e in genere l'occupazione femminile diminuisce con l'aumentare del numero dei figli. Rispetto alla media Ocse, l'Italia su questo aspetto si piazza agli ultimi posti in Europa: 11 punti sotto.

 

Ricevi gratis gli aggiornamenti di questo sito:

Fornito da FeedBurner

inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi