Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
SICUREZZA IT - Kaspersky Lab: espande la collaborazione con Europol e Interpol SOSTENIBILITA' - Milanesi: i cittadini più “green e virtuosi” della penisola (ricerca Istituto Swg) TFR - Unimpresa: a rischio 5,5 miliardi di liquidità delle Pmi con il passaggio del 50% del trattamento di fine rapporto nei salari dei lavoratori LAVORO - Ddl delega: slittamento voto a 8 ottobre in Aula Senato INNOVAZIONE - Stampa 3D: .bijouets presenta alla Maker Faire Rome "Cambiami", il nuovo modo di concepire e indossare gli occhiali da sole EVENTI - Cous Cous Fest: 17^edizione si chiude con bilancio record AMBIENTE - Rifiuti: A Roma installato un nuovo riciclatore incentivante a Casal de' Pazzi BUSINESS - Salone europeo delle Micro e Piccole Imprese: a Venezia il 6/7 ottobre attesi circa 250 tra imprenditori e rappresentanti di centri di ricerca LAVORO - Neet: in Italia sono il 32%. Career Paths svolge coaching per studenti (18-26 anni), per scegliere il percorso di studi FORMAZIONE - Ambiente: corso "Albo gestori. La nuova disciplina" EMILIA ROMAGNA - Unioncamere: è Claudio Pasini il nuovo segretario generale DIGITALE - MediaEngine: app ll Grande Dizionario di Italiano e il Dizionario Italiano Inglese DeAgostini COMMUNITY - 99designs: partnership con Talent Garden. A due anni dal lancio in Italia conferma il proprio successo LAVORO - Riforma: Piacentini (Aniem), sì al Tfr in busta paga SVILUPPO - Iraq: a SudgestAid, società italiana senza fini di lucro, prima commessa formazione dirigenti in ambito economico, culturale e turistico IMPRESE - GRC Summit Europe 2014: MetricStream annuncia l’ordine del giorno e la scaletta dei relatori LAVORO - Unioncamere: 6 imprese su 10 scelgono il proprio personale con il “passaparola” LAVORO - Art. 18: Agnelli (Confimi Impresa), reintegro per gli "indisciplinati"? NOMINE - Metro Italia Cash and Carry: è Claude Sarrailh il nuovo amministratore delegato GOVERNO - Cdm: convocato oggi, martedì 30 settembre, alle 18,30. Tra i provvedimenti in esame la Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza.

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home Dalla home page IMPRESE- Record rosa: per l'Ocse il 16% delle lavoratrici italiane è "autonoma" o imprenditrice
IMPRESE- Record rosa: per l'Ocse il 16% delle lavoratrici italiane è "autonoma" o imprenditrice PDF Stampa E-mail
Tweet me!
News
AddThis Social Bookmark Button

images_4L'Italia, Paese delle imprese rosa. E' quanto emerge da un rapporto Ocse sull'imprenditoria basato su dati del 2009 di 40 Stati. Secondo tale rapporto, il 16% delle lavoratrici italiane è "autonoma" o imprenditrice. Un record, se si guarda la media europea (10%) o quella di Paesi come Inghilterra, Francia e Germania, dove le imprenditrici sul totale delle occupate sono tra il 6 e 8%.

Più precisamente, il 3,62% delle donne italiane che lavorano sono imprenditrici; freelance il 12,62%. Realisticamente, piccole imprenditrici: le aziende con proprietario singolo e almeno un dipendente guidate da donne, nel nostro Paese sono il 26,8% del totale; in gran parte si tratta di imprese con meno di 5 dipendenti. Grazie a questi dati, il nostro Paese è il secondo in Europa: i settori in cui le donne sono più presenti sono quelli del commercio, dell'accoglienza e dei trasporti. Ancora qualche cifra : il tasso di natalità di imprese guidate da donne, definita come la percentuale rispetto al totale di quelle attive, nel 2009 è stato del 13,7%, superiore a quello registrato per le aziende guidate da uomini (10,9%). Il tasso di sopravvivenza a tre anni dalla creazione è stato del 37,6%, leggermente inferiore a quello delle imprese a guida maschile (37,8%).

Nel 2011 sono nate circa 10mila nuove imprese gestite da donne, localizzate in prevalenza nel Centro Nord. Il tasso di crescita è stato del 10,7% rispetto all'anno precedente contro lo 0,2% registrato dalle imprese maschili. Tale primato ha una giustificazione, che va ricercata in una caratteristica italiana: il nostro è un popolo di lavoratori autonomi per spirito d'iniziativa, quasi sempre per mancanza di alternativa. Sono presenti, infatti, circa otto milioni di partite Iva.

Chi vuole lavorare, spesso deve inventare da sé il proprio lavoro. E questo vale soprattutto per le donne, visto che l'Italia detiene anche il primato, negativo, di donne non occupate nel mercato ufficiale. La difficoltà di conciliare la vita familiare con quella lavorativa e l'inadeguatezza dei servizi sociali per la prima infanzia fanno sì che, nel 2010, tra le donne con figli di età minore di 15 anni, le inattive siano il 40%; tra i 25 e i 34 anni, le madri occupate solo il 45% mentre i padri raggiungono l'87%. La conferma viene dall'Istat. Il 30% delle madri (contro il 3% dei padri) ha interrotto il lavoro per motivi familiari e in genere l'occupazione femminile diminuisce con l'aumentare del numero dei figli. Rispetto alla media Ocse, l'Italia su questo aspetto si piazza agli ultimi posti in Europa: 11 punti sotto.

 

Ricevi gratis gli aggiornamenti di questo sito:

Fornito da FeedBurner

inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi