Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
CONCORSO - I Magnifici Sei:Associazione Nazionale Città dell’Olio lancia contest per foodblogger. In palio corso di cucina con lo chef Iaccarino INNOVAZIONE - Voltaire di .exnovo: la lampada firmata 3D Printing ispirata all'illuminismo francese IMPRESE - Assicurazione crediti: la Serbia diventa il 98esimo mercato per l’offerta di Coface INNOVAZIONE - Qui! Group ottiene il patrocinio dall'Agenzia per l'Italia Digitale: premiato il grado d’innovazione raggiunto dal Gruppo e le diverse iniziative in ambito Monetica e Servizi digitali COMMERCIO AL DETTAGLIO - Gruppo VéGé apre le porte al franchising: una formula di affiliazione su misura per le imprese emergenti che intendono crescere gradualmente e in sicurezza LAVORO - Opportunità: 50 assunzioni entro fine anno per HSE24, il canale della TV shopping LAVORO - Formazione gratuita: con Ambire c'è posto per 400 manager inoccupati. I corsi si terranno da settembre a dicembre 2014 a Milano, Torino e Roma INNOVAZIONE - Superpartes Innovation Campus: il Gruppo Mittel entra nel capitale PMI - Crediti commerciali: Banca Marche e Coface stringono un accordo per la promozione di polizze assicurative WEB - .Email, .Club, .Academy: e tu, di che dominio sei? Ecco quali sono i domini di primo livello più amati dagli italiani secondo 1&1 Internet SICUREZZA IT - Check Point Software Technologies: secondo trimestre 2014, 363 milioni di dollari di fatturato, in crescita del 7% anno su anno IMPRESE - Le Camere di commercio si autoriformano: ufficiale il piano di accorpamenti SERVIZI POSTALI - Gruppo Mail Boxes Etc: fatturato aggregato 2013 a 390 milioni di Euro (+4% sul 2012 a parità di cambi) PMI - Edilizia: Aniem, erché non facciamo un bel referendum tra i lavoratori edili, più soldi e meno bilateralità? INNOVAZIONE - Incubatore I3P: nominato il nuovo consiglio di amministrazione SOFTWARE - Dassault Systèmes: i ricavi complessivi sono cresciuti del 10% MOBILITA' - Colonnine di ricarica dei veicoli elettrici: il ministro Lupi firma il piano nazionale INTERNAZIONALIZZAZIONE - Assocamerestero: il sistema camerale italiano è una rete territoriale da valorizzare ed efficientare non da amputare ENERGIA - Finco: Strategia Energetica Nazionale, l'Ecoprestito può essere la soluzione SENATO - Caccia: le Commissioni Ambiente e Industria votano per mantenimento cattura e utilizzo di richiami vivi. Le associazioni ambientaliste, una pagina penosa. Il peggior biglietto da visita per l’inizio del semestre italiano in Ue

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home Dalla home page IMPRESE- Record rosa: per l'Ocse il 16% delle lavoratrici italiane è "autonoma" o imprenditrice
IMPRESE- Record rosa: per l'Ocse il 16% delle lavoratrici italiane è "autonoma" o imprenditrice PDF Stampa E-mail
Tweet me!
News
AddThis Social Bookmark Button

images_4L'Italia, Paese delle imprese rosa. E' quanto emerge da un rapporto Ocse sull'imprenditoria basato su dati del 2009 di 40 Stati. Secondo tale rapporto, il 16% delle lavoratrici italiane è "autonoma" o imprenditrice. Un record, se si guarda la media europea (10%) o quella di Paesi come Inghilterra, Francia e Germania, dove le imprenditrici sul totale delle occupate sono tra il 6 e 8%.

Più precisamente, il 3,62% delle donne italiane che lavorano sono imprenditrici; freelance il 12,62%. Realisticamente, piccole imprenditrici: le aziende con proprietario singolo e almeno un dipendente guidate da donne, nel nostro Paese sono il 26,8% del totale; in gran parte si tratta di imprese con meno di 5 dipendenti. Grazie a questi dati, il nostro Paese è il secondo in Europa: i settori in cui le donne sono più presenti sono quelli del commercio, dell'accoglienza e dei trasporti. Ancora qualche cifra : il tasso di natalità di imprese guidate da donne, definita come la percentuale rispetto al totale di quelle attive, nel 2009 è stato del 13,7%, superiore a quello registrato per le aziende guidate da uomini (10,9%). Il tasso di sopravvivenza a tre anni dalla creazione è stato del 37,6%, leggermente inferiore a quello delle imprese a guida maschile (37,8%).

Nel 2011 sono nate circa 10mila nuove imprese gestite da donne, localizzate in prevalenza nel Centro Nord. Il tasso di crescita è stato del 10,7% rispetto all'anno precedente contro lo 0,2% registrato dalle imprese maschili. Tale primato ha una giustificazione, che va ricercata in una caratteristica italiana: il nostro è un popolo di lavoratori autonomi per spirito d'iniziativa, quasi sempre per mancanza di alternativa. Sono presenti, infatti, circa otto milioni di partite Iva.

Chi vuole lavorare, spesso deve inventare da sé il proprio lavoro. E questo vale soprattutto per le donne, visto che l'Italia detiene anche il primato, negativo, di donne non occupate nel mercato ufficiale. La difficoltà di conciliare la vita familiare con quella lavorativa e l'inadeguatezza dei servizi sociali per la prima infanzia fanno sì che, nel 2010, tra le donne con figli di età minore di 15 anni, le inattive siano il 40%; tra i 25 e i 34 anni, le madri occupate solo il 45% mentre i padri raggiungono l'87%. La conferma viene dall'Istat. Il 30% delle madri (contro il 3% dei padri) ha interrotto il lavoro per motivi familiari e in genere l'occupazione femminile diminuisce con l'aumentare del numero dei figli. Rispetto alla media Ocse, l'Italia su questo aspetto si piazza agli ultimi posti in Europa: 11 punti sotto.

 

Ricevi gratis gli aggiornamenti di questo sito:

Fornito da FeedBurner

inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi