Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
CULTURA - Torna domenica al museo gratuita: il 2 novembre porte aperte in siti archeologici e musei CIBUS TEC - FOOD PACK - Al via le giornate tematiche di filiera: Diary e Tomato SICUREZZA IT - Kaspersky Lab: 1 utente su 8 non crede alle cyber minacce INTERNAZIONALIZZAZIONE - Cittadinanza, questione di investimenti: prima guida italiana sull'argomento ENERGIA - Compost e biometano: da Padova a Ecomondo, un viaggio - studio alla scoperta delle ultime novità. Aggiornamento per tecnici di settore LAVORO - In primo piano a Abcd + Orientamenti: dal 5 al 7 novembre in Fiera a Genova l’International Career Day ZONE ECONOMICHE SPECIALI - Giornata di studio: mercoledì 5 novembre a Como, Università degli Studi dell'Insubria SERVIZI FUNERARI - Settore privo di una legge quadro: Federutility e Sefit, estendere bonus edilizia anche ai cimiteri RICERCA E SVILUPPO - Finanziamenti: Mise, sono 271 le imprese che ne beneficeranno (300 mln fondo programma Horizon 2010) CRISI - Suicidi: in aumento (+59%). Si abbassa l'età. Più disoccupati che imprenditori (Osservatorio suicidi per crisi economica)i INNOVAZIONE - Start-up Marathon: giovani e imprese per far ripartire il Lazio. A Roma giovedì 6 novembre ENERGIA - Offshore Energy Exhibition & Conference 2014: oltre 13mila visitatori (+47%) GIOVANI - Lavoro, formazione, orientamento – Fiera PN 30.31 ottobre ECOMONDO E INDUSTRIA IDRICA - Accordo strategico Rimini Fiera e Federutility: obiettivo, consolidare la sezione "Oro Blu" LAVORO - Manager in affitto: si fa carico della gestione aziendale, affiancando l'imprenditore e sollevandolo dal peso dell'operatività (Short Connection Italia) FORMAZIONE - Bruno Vettore e il generale Gianmarco Bellini ti insegnano l'arte della leadership: a Roma il 12 febbraio 2015 AST - Scontri a Roma: Landini, noi aggrediti. Delrio, paese è solido. Guidi, azienda ha garantito un massimo di 290 esuberi RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI - Decreto presidenziale: Cdm approva in via preliminare DIFESA D'UFFICIO - Riordino della disciplina: Cdm esamina in via preliminare il decreto legislativo REGIONI - Leggi: Cdm ne esamina sei impugnandone una delle Marche

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home Dalla home page - focus FISCO - Iva: spese di rappresentanza, cos'è deducibile
FISCO - Iva: spese di rappresentanza, cos'è deducibile PDF Stampa E-mail
Tweet me!
Approfondimenti
AddThis Social Bookmark Button

pausa_caff

A volte la deduzione di un costo o la detrazione della relativa Iva possono aumentare se la spesa è considerata di rappresentanza. È il caso delle spese di vitto e alloggio documentate da fattura per le quali l'Iva è indeducibile dal reddito se non viene detratta, per scelta dell'impresa, ma è deducibile al 75%, se le spese sono di rappresentanza e se nell'anno il relativo plafond di deducibilità non è stato superato. Un altro caso riguarda la detrazione dell'Iva sull'acquisto di alimenti e bevande, possibile se si tratta di spese di rappresentanza non superiori a 25,82 euro, mentre preclusa se questi beni vengono consumati genericamente in azienda (non in mensa o tramite macchinette).

Secondo l'agenzia delle Entrate, per le prestazioni alberghiere e sulle somministrazioni di alimenti e bevande, l'Iva documentata da fattura e non detratta, per scelta dell'impresa o del professionista, è indeducibile ai fini Ires e Irap (circolari 6/E/2009 e 25/E/2010, risoluzione 84/E/2009). È il caso delle fatture registrate solo in contabilità generale, ad esempio, per risparmiare i costi di imputazione. Se le spese di vitto e alloggio sono correttamente documentate (fattura intestata al soggetto Iva, con gli eventuali dati del fruitore del servizio), quindi, la mancata detrazione dell'Iva comporta anche la sua indeducibilità dal reddito. Se queste spese sono di rappresentanza, però, l'Iva non è oggettivamente detraibile, quindi, va sommata al relativo costo, seguendone il destino. L'Iva sulle spese di rappresentanza, infatti, si può detrarre solo per gli acquisti di "beni" di costo unitario non superiore a 25,82 euro (articolo 19 bis1, comma 1, lettera h, Dpr 633/72). Quest'agevolazione non riguarda le spese di rappresentanza relative alla somministrazione di alimenti e bevande, in quanto si tratta di servizi e non di beni. Ecco che, per le imprese, in caso di capienza del plafond di congruità/deducibilità delle spese di rappresentanza (articolo 1, comma 2, decreto ministeriale 19 novembre 2008), la deduzione dell'Iva, assieme al costo per il vitto e l'alloggio, è del 75%. Per i professionisti, invece, il 75% di questi costi, comprensivi dell'Iva indetraibile, può essere dedotto se è inferiore all'1% dei compensi percepiti nel periodo d'imposta.

L'Iva sull'acquisto o sull'importazione di alimenti e bevande da parte di imprese o professionisti è detraibile solo per gli acquisti di quei beni che "formano oggetto dell'attività propria dell'impresa o di somministrazione in mense scolastiche, aziendali o interaziendali o mediante distributori automatici collocati nei locali dell'impresa"(articolo 19 bis1, comma 1, lettera f, Dpr 633/72). Si può detrarre anche l'Iva per l'acquisto di capsule/cialde, che vanno inserite manualmente negli erogatori di bevande, equiparati a quelli automatici dalla risoluzione 1° agosto 2000, n. 124/E. Al di fuori di questi casi, però, l'Iva per l'acquisto di alimenti e bevande è indetraibile, come accade, ad esempio, per gli acquisti destinati genericamente al consumo in azienda (non in mensa o tramite distributori automatici), come, ad esempio, per la pausa caffè o per festeggiare una ricorrenza aziendale.

L'indetraibilità generale dell'Iva assolta sugli acquisti di alimenti e bevande prevista dalla lettera f, articolo 19 bis1, comma 1, Dpr 633/72, però, non è applicabile agli acquisti di alimenti e bevande, di valore unitario non superiore a 25,82 euro, destinati a essere ceduti a titolo gratuito, "per i quali è da applicare, invece, la disposizione di cui alla lettera h) del medesimo articolo in materia di spese di rappresentanza" (circolare 54/E/2002, risposta 16.6). Paradossalmente, quindi, è indetraibile l'Iva per l'acquisto di alimenti e bevande da consumare genericamente in azienda (non in mensa o tramite distributori automatici), mentre se questi beni sono spese di rappresentanza e di valore pari o inferiore a 25,82 euro, l'imposta si può detrarre. (Fonte: Il Sole 24 Ore - Norme e tributi)

 

Ricevi gratis gli aggiornamenti di questo sito:

Fornito da FeedBurner

inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi