Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
SICUREZZA IT - Cloud: Moroni, responsabile divisione Security di Partner Data individua alcune strategie che l’utente può mettere in atto SBLOCCA ITALIA - Vendita immobili: Aniem, assurdo aumentare l'Iva al 10% LAVORO - Offerte: Antal International Italy offre 170 opportunità di lavoro a tempo indeterminato nel settore Operations, Sales & Marketing, Bancario & Assicurativo, Information Technology, Amministrativo & Risorse Umane RIFIUTI - Giacimenti Urbani: seconda edizione a Milano dal 21 al 23 novembre MADE IN ITALY - Progress Profiles: profili per la pavimentazione della Louis Vuitton Fondation INVESTIMENTI - Task force europea: l'Italia prepara la lista dei progetti da finanziare PMI - Riduzione bolletta elettrica: firmati i decreti attuativi DIRITTO - Marchi e brevetti: il mero distributore può agire a tutela del brevetto? La Cassazione dice di sì LEGGE STABILITA' - Tfr in busta paga: sarà su base volontaria e soggetto a tassazione ordinaria SOSTENIBILITA' - Ambiente: a scuola di turismo green. I laboratori gratuiti di ViaggiVerdi a Fa' la cosa giusta! Trento dal 24 al 26 ottobre EXPORT - Rete di impresa: Pastanet, marchio unico di un'azienda bolognese e una comasca. Il supporto di Camera di commercio di Bologna e Unioncamere Emilia-Romagna INTERNAZIONALIZZAZIONE - Certificati e visure camerali: si potranno richiedere anche in lingua inglese FISCO - Scadenze: imprese e famiglie verseranno € 91 mld tra novembre e dicembre. Le scadenze sono 25: praticamente una ogni 2 giorni LAVORO - Distrazioni: tecnologie e strumenti ci aiutano a essere più produttivi SOLIDARIETA' - Unindustria Como incontra la Fondazione Ambrosoli e l'imprenditoria sociale: RIPRESA - Imprenditoria a confronto, dalla Marca trevigiana prende il via la terza edizione di "Rimettere le scarpe ai sogni" EXPORT - MiSe in Marocco: Sace annuncia € 200 milioni di nuove operazioni allo studio FORMAZIONE - È arrivato Scontistudenti.it Lo store online con sconti e offerte per studenti e docenti GIOVANI - Servizio civile in Italia: bando speciale per la selezione di n. 1.304 volontari da impiegare in progetti autofinanziati PREMI - Fotografia naturalistica: Oasis PhotoContest 2014. scrizioni aperte fino al 31 dicembre 2014

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home
CREDITO - Basilea2: l'opinione del Patto di Capranica PDF Stampa E-mail
Tweet me!
Approfondimenti
AddThis Social Bookmark Button

basilea_2.1Nella pratica, le modalità con cui sono stati introdotti i criteri di Basilea 2 hanno reso più difficoltoso e oneroso l'accesso al credito per le imprese minori, l'ossatura del sistema imprenditoriale italiano. Per questo occorre venire incontro con urgenza al problema finanziario delle piccole e medie imprese, valorizzando il ruolo delle associazioni di categoria e del sistema dei Confidi, modificando «i requisiti patrimoniali delle banche e rendendoli più flessibili, per impedire che il credito, per le aziende che lo meritano, si riduca proprio nei momenti più difficili.

Sono queste alcune delle proposte congiunte avanzate da CNA, Confcommercio-Imprese per l'Italia, Confartigianato, Confesercenti e Casartigiani, le associazioni del cosiddetto Patto del Capranica (costituito nel 2006), nel corso di un'audizione alla VI Commissione finanze della Camera.

Basilea 2 ha come riferimento un sistema di imprese strutturate e di medio-grande dimensione, quali quelle che prevalentemente operano nei sistemi economici di matrice anglosassone. Il sistema imprenditoriale italiano, viceversa, presenta caratteristiche completamente diverse che male si adattano a sistemi standardizzati di valutazione del merito di credito. Questa specificità è facilmente desumibile dalla distribuzione delle imprese per forma giuridica. Le imprese individuali sono oltre 2,8 milioni e rappresentano il 64,7% del totale, mentre il 18,8%, pari a oltre 822 mila imprese, è costituito da società di persone.

Secondo le cinque associazioni, l'imprenditoria di tipo personale costituisce l’'83,50% delle imprese italiane. Per questi soggetti non c'è distinzione tra patrimonio personale dei soci e patrimonio dell'impresa, per cui risulta strutturalmente difficile individuare criteri oggettivi/quantitativi di valutazione del merito del credito. Ciò implica un approccio diverso di valutazione del merito di credito rispetto alle società di capitali, diversamente strutturate. In sostanza, per CNA, Confcommercio, Confartigianato, Confesercenti e Casartigiani, le attuali regole premiano i valori di bilancio, dal fatturato al cash flow e questo penalizza le aziende che, pur avendo chiuso il 2009 con i conti in rosso, continuano ad avere prospettive di crescita. In quest'ottica è necessario valorizzare il ruolo delle associazioni di categoria e del sistema dei Confidi che, condividendo il rischio di credito delle imprese da loro garantite, sono in grado di contribuire a una corretta valutazione da parte delle banche del merito creditizio dell'impresa.

Una delle proposte avanzate dalle associazioni riguarda il Mezzogiorno, dove difficoltà di accesso al credito, fragilità patrimoniale dei Confidi, elevato costo del denaro, forte incidenza del fenomeno dell'usura, che penalizza la piccola e media imprenditorialità, sono ancora più accentuati che nel resto d'Italia.  (Fonte: Cna)

 

 

 

 

 
inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi