Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
FORMAZIONE - Salone dello studente: Link Campus University presenta i corsi job oriented e punta sulle nuove professioni ( Roma 26/28 novembre) NUOVO ISEE - Dal 1° gennaio in vigore le modifiche al sistema di calcolo per accedere alle prestazioni: Palazzi (Anap), il Governo liutilizzi per il sociale UE - Consiglio ministri cultura: Franceschini, cultura e turismo vera vocazione dell'Europa IMPRESE - Emilia Romagna: seminario gratuito reti di impresa a Ravenna, il 27 novembre ore 10 MADE IN ITALY - Gruppo Gerosa di Inverigo: investe oltre € 1,5 mlno in tecnologia e innovazione. Programmati ingenti investimenti anche nel primo semestre 2015 TASSE - Canone Rai: in bolletta luce da gennaio ma seconde case forse escluse COOPERATIVE - Alto Adige: una voce comune per ricoprire anche in futuro un ruolo fondamentale in campo economico e sociale PMI - Federlazio a Bruxelles: presentati risultati progetto europeo Rasdi INTERNAZIONALIZZAZIONE - Veronafiere: al Business Council Italia-Egitto. A dicembre a Il Cairo la prima edizione di Marmomacc-Samoter Africa&Middle East INTERNAZIONALIZZAZIONE - Egitto: Sace, accordo con Min. Investimenti, 210 mln garantiti per centrale Giza (Ansaldo Energia) IMPRESE - Colorificio San Marco: rileva l’ex sede di Marcon di La Murrina ed estende la propria sede principale raggiungendo una superficie di 78.000 mq RIFIUTI - Giacimenti Urbani: in tempo di crisi i cittadini scoprono la ricchezza dei rifiuti alla Cascina Cuccagna IMPRESE - Europcar: risultati finanziari per il terzo trimestre e i primi nove mesi del 2014: fatturato e Adjusted Corporate Ebitda in crescita MADE IN ITALY - Lidar prevede eruzione vulcanica: Enea, misura la concentrazione di Co2 nei gas vulcanic NUTRIZIONE - Osservatorio Nutrizionale Grana Padano: una dieta invernale proteica, ma economica MADE IN ITALY - Pastificio Luciana Mosconi e la sua anima green: un binomio vincente. Grazie anche al progetto con il Ministero dell'Ambiente, la sua pasta vola al +19,5% SICUREZZA IT - Kaspersky Lab: Regin, una piattaforma dannosa in grado di spiare le reti Gsm AMBIENTE - Forum QualEnergia: anche la Cina combatte l'effetto serra CONVEGNI - Galgano: testimonianze aziendali ABB - Unità Operativa Comem, Aboca, Avepa, ICM Industrial, Istituto "Luca Pacioli", Magneti Marelli, Nestlè Waters Italia, Zambon, Whirlpool ai Convegni "Il valore etico della qualità" MADE IN ITALY - Vino; Wine2Wine fotografa i trend futuri del vino, il 3 e 4 dicembre a Veronafiere

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home
CREDITO - Basilea2: l'opinione del Patto di Capranica PDF Stampa E-mail
Tweet me!
Approfondimenti
AddThis Social Bookmark Button

basilea_2.1Nella pratica, le modalità con cui sono stati introdotti i criteri di Basilea 2 hanno reso più difficoltoso e oneroso l'accesso al credito per le imprese minori, l'ossatura del sistema imprenditoriale italiano. Per questo occorre venire incontro con urgenza al problema finanziario delle piccole e medie imprese, valorizzando il ruolo delle associazioni di categoria e del sistema dei Confidi, modificando «i requisiti patrimoniali delle banche e rendendoli più flessibili, per impedire che il credito, per le aziende che lo meritano, si riduca proprio nei momenti più difficili.

Sono queste alcune delle proposte congiunte avanzate da CNA, Confcommercio-Imprese per l'Italia, Confartigianato, Confesercenti e Casartigiani, le associazioni del cosiddetto Patto del Capranica (costituito nel 2006), nel corso di un'audizione alla VI Commissione finanze della Camera.

Basilea 2 ha come riferimento un sistema di imprese strutturate e di medio-grande dimensione, quali quelle che prevalentemente operano nei sistemi economici di matrice anglosassone. Il sistema imprenditoriale italiano, viceversa, presenta caratteristiche completamente diverse che male si adattano a sistemi standardizzati di valutazione del merito di credito. Questa specificità è facilmente desumibile dalla distribuzione delle imprese per forma giuridica. Le imprese individuali sono oltre 2,8 milioni e rappresentano il 64,7% del totale, mentre il 18,8%, pari a oltre 822 mila imprese, è costituito da società di persone.

Secondo le cinque associazioni, l'imprenditoria di tipo personale costituisce l’'83,50% delle imprese italiane. Per questi soggetti non c'è distinzione tra patrimonio personale dei soci e patrimonio dell'impresa, per cui risulta strutturalmente difficile individuare criteri oggettivi/quantitativi di valutazione del merito del credito. Ciò implica un approccio diverso di valutazione del merito di credito rispetto alle società di capitali, diversamente strutturate. In sostanza, per CNA, Confcommercio, Confartigianato, Confesercenti e Casartigiani, le attuali regole premiano i valori di bilancio, dal fatturato al cash flow e questo penalizza le aziende che, pur avendo chiuso il 2009 con i conti in rosso, continuano ad avere prospettive di crescita. In quest'ottica è necessario valorizzare il ruolo delle associazioni di categoria e del sistema dei Confidi che, condividendo il rischio di credito delle imprese da loro garantite, sono in grado di contribuire a una corretta valutazione da parte delle banche del merito creditizio dell'impresa.

Una delle proposte avanzate dalle associazioni riguarda il Mezzogiorno, dove difficoltà di accesso al credito, fragilità patrimoniale dei Confidi, elevato costo del denaro, forte incidenza del fenomeno dell'usura, che penalizza la piccola e media imprenditorialità, sono ancora più accentuati che nel resto d'Italia.  (Fonte: Cna)

 

 

 

 

 
inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi