Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
SICUREZZA IT - Kaspersky Lab: pubblicata ricerca sulla campagna malware Crouching Yeti/Energetic Bear NOMINE - Grandi Stazioni SpA: nuovo presidente Michele Mario Elia e Paolo Gallo nuovo ad RIFORMA CDC - Al via l’iter per i primi accorpamenti tra Camere: in Veneto deliberata la fusione tra Venezia e Rovigo DDL RIFORME - Senato: governo battuto su proposta di modifica presentata dal senatore della Lega Stefano Candiani. Nuovo Senato potrà legiferare su temi etici RAFFINAZIONE - Siti industriali di Gela e Porto Marghera: Mise, accordo tra Eni e sindacati. Tavolo aggiornato a inizio settembre ENERGIA -Biodisel: a Capraia inaugurata l'isola verde di Enel. E' la prima in Italia FISCO - Maggiorazione Tasi: una circolare delle finanze mette un limite all'applicazione dello 0,8 per mille INFLAZIONE - Adiconsum: confermata la deflazione. Servono interventi shock per rilanciare consumi. Si rischia ituazione esplosiva IMPRESE - Ricerca e sviluppo: 300 mln dall’Ue. Dal 30/9 si possono presentare le domande OUTLETS - Neinver: primo semestre positivo per i The style Outlets in Italia TURISMO - Fiab: al via "Bicistaffetta", un percorso su due ruote da Benevento a Roma, organizzato dalla Federazione Italiana Amici della Bicicletta per promuovere la rete ciclabile nazionale e il cicloturismo FORMAZIONE - Master Privacy Officer di Federprivacy: professionisti specializzati della data protection. Il calendario dei corsi autunnali VACANZE - Ue: stai per partire? Non dimenticare la Team, la tessera sanitaria LAVORO - Disoccupazione: in frenata (scende la 12,3%) mentre tra i 15 e i 24 anni sale al 43,7%, livello più' alto dal 1977 DL PA - Camera: nella notte conferma fiducia a governo (346 sì e 176 no) LAVORO - Europportunità: la Ue cerca 194 traduttori e 150 ricercatori (Cern). Inoltre, sono 700 i tirocini retribuiti per laureati. E sono due i concorsi per progetti TURISMO - Promozione: Franceschini, Franceschini: piena condivisione con regioni su progetti Vento e via Francigena GOVERNO - Cdm: convocato oggi, giovedì 31 luglio alle 18,30. L'odg DEBITI PA - Imprese e professionisti: vademecum per la certificazione dei crediti WEEKEND - San Vito Lo Capo: da venerdì la rassegna "Baglio, olio e mare"

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home
CREDITO - Basilea2: l'opinione del Patto di Capranica PDF Stampa E-mail
Tweet me!
Approfondimenti
AddThis Social Bookmark Button

basilea_2.1Nella pratica, le modalità con cui sono stati introdotti i criteri di Basilea 2 hanno reso più difficoltoso e oneroso l'accesso al credito per le imprese minori, l'ossatura del sistema imprenditoriale italiano. Per questo occorre venire incontro con urgenza al problema finanziario delle piccole e medie imprese, valorizzando il ruolo delle associazioni di categoria e del sistema dei Confidi, modificando «i requisiti patrimoniali delle banche e rendendoli più flessibili, per impedire che il credito, per le aziende che lo meritano, si riduca proprio nei momenti più difficili.

Sono queste alcune delle proposte congiunte avanzate da CNA, Confcommercio-Imprese per l'Italia, Confartigianato, Confesercenti e Casartigiani, le associazioni del cosiddetto Patto del Capranica (costituito nel 2006), nel corso di un'audizione alla VI Commissione finanze della Camera.

Basilea 2 ha come riferimento un sistema di imprese strutturate e di medio-grande dimensione, quali quelle che prevalentemente operano nei sistemi economici di matrice anglosassone. Il sistema imprenditoriale italiano, viceversa, presenta caratteristiche completamente diverse che male si adattano a sistemi standardizzati di valutazione del merito di credito. Questa specificità è facilmente desumibile dalla distribuzione delle imprese per forma giuridica. Le imprese individuali sono oltre 2,8 milioni e rappresentano il 64,7% del totale, mentre il 18,8%, pari a oltre 822 mila imprese, è costituito da società di persone.

Secondo le cinque associazioni, l'imprenditoria di tipo personale costituisce l’'83,50% delle imprese italiane. Per questi soggetti non c'è distinzione tra patrimonio personale dei soci e patrimonio dell'impresa, per cui risulta strutturalmente difficile individuare criteri oggettivi/quantitativi di valutazione del merito del credito. Ciò implica un approccio diverso di valutazione del merito di credito rispetto alle società di capitali, diversamente strutturate. In sostanza, per CNA, Confcommercio, Confartigianato, Confesercenti e Casartigiani, le attuali regole premiano i valori di bilancio, dal fatturato al cash flow e questo penalizza le aziende che, pur avendo chiuso il 2009 con i conti in rosso, continuano ad avere prospettive di crescita. In quest'ottica è necessario valorizzare il ruolo delle associazioni di categoria e del sistema dei Confidi che, condividendo il rischio di credito delle imprese da loro garantite, sono in grado di contribuire a una corretta valutazione da parte delle banche del merito creditizio dell'impresa.

Una delle proposte avanzate dalle associazioni riguarda il Mezzogiorno, dove difficoltà di accesso al credito, fragilità patrimoniale dei Confidi, elevato costo del denaro, forte incidenza del fenomeno dell'usura, che penalizza la piccola e media imprenditorialità, sono ancora più accentuati che nel resto d'Italia.  (Fonte: Cna)

 

 

 

 

 
inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi