Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
INTERNAZIONALIZZAZIONE - MV Agusta: da SACE e BPM € 15 milioni per crescita in Usa, Brasile e Sud-Est asiatico SCIENZA - Beni culturali: innovativo sistema antiurto messo a punto da Enea e Musei Vaticani per il trasporto della statua “Augusto di Prima Porta” STARTUP - Finanziamenti: Banca Sella e Digital Magics: finanziamento di 1 milione di euro assistito dal Fondo di Garanzia per le Pmi. SICUREZZA IT - Metà delle aziende sottovaluta le contromisure DDoS: si espongono così al rischio di attacchi REGIONI - Emilia Romagna : presentato a Bologna il Rapporto 2014 dell'economia SCIENZA - Convivere con i veleni: si è svolto il terzo appuntamento dei science café alla Mediateca di Cagliari SOLIDARIETA' - Legalitalia... tutti vincenti: al quadrangolare benefico di calcio vincono i Magistrati. Consegnato il ricavato alla Comunita' di S. Egidio L.STABILITA' - Camera: atteso per oggi, lunedì 22 dicembre, l'ok definitivo dopo la fiducia del Senato sul maxiemendamento del governo UE - Tetto alle commissioni interbancarie per le carte di credito: le carte aziendali non sono coinvolte. AirPlus accoglie con favore la decisione POVERTA' - Lavoro autonomo: Cupla: dai pensionati 100mila lettere a Governo e Parlamento FUSIONI - Nasce Utilitala da Federambiente (igiene ambientale) e FederUtility (energia, gas e acqua): 577 imprese, 40 mld di valore della produzione, 90mila addetti L. STABILITA' - Senato: testo in Aula con un maxi-emendamento del governo CONSUMATORI - Gift card Feltrinelli: Adiconsum ottiene il rinnovo per quelle con importo residuo e scadenza illimitata per le nuove card VENDITE - Signorsconto.it: l'e-coupon, un vantaggio (anche) per le aziende DENARO - La questione Bitcoin: terminato alla Camera il primo dei tre incontri. Non è falsificabile, ma è riciclabile. Servono regole precise con vigilanza Banca d'Italia CSR - Aeroporti di Roma: "Care to fly", trasporto door to door (porta a porta) per i passeggeri a ridotta mobilità PA - Auto blu: in circolazione oltre mille, dovevano scendere a 93 GOVERNO - Le urgenze: riforme, legge di stabilità, Jobs act, Ilva, marò, Quirinale, Europa EXPO 2015 - Conferenza imprese: focus su dimensione business EFFICIENZA ENERGETICA - Comitato termotecnico italiano: nuovo libretto d'impianto, sul sito già disponibili i file compilabili

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home
CREDITO - Basilea2: l'opinione del Patto di Capranica PDF Stampa E-mail
Tweet me!
Approfondimenti
AddThis Social Bookmark Button

basilea_2.1Nella pratica, le modalità con cui sono stati introdotti i criteri di Basilea 2 hanno reso più difficoltoso e oneroso l'accesso al credito per le imprese minori, l'ossatura del sistema imprenditoriale italiano. Per questo occorre venire incontro con urgenza al problema finanziario delle piccole e medie imprese, valorizzando il ruolo delle associazioni di categoria e del sistema dei Confidi, modificando «i requisiti patrimoniali delle banche e rendendoli più flessibili, per impedire che il credito, per le aziende che lo meritano, si riduca proprio nei momenti più difficili.

Sono queste alcune delle proposte congiunte avanzate da CNA, Confcommercio-Imprese per l'Italia, Confartigianato, Confesercenti e Casartigiani, le associazioni del cosiddetto Patto del Capranica (costituito nel 2006), nel corso di un'audizione alla VI Commissione finanze della Camera.

Basilea 2 ha come riferimento un sistema di imprese strutturate e di medio-grande dimensione, quali quelle che prevalentemente operano nei sistemi economici di matrice anglosassone. Il sistema imprenditoriale italiano, viceversa, presenta caratteristiche completamente diverse che male si adattano a sistemi standardizzati di valutazione del merito di credito. Questa specificità è facilmente desumibile dalla distribuzione delle imprese per forma giuridica. Le imprese individuali sono oltre 2,8 milioni e rappresentano il 64,7% del totale, mentre il 18,8%, pari a oltre 822 mila imprese, è costituito da società di persone.

Secondo le cinque associazioni, l'imprenditoria di tipo personale costituisce l’'83,50% delle imprese italiane. Per questi soggetti non c'è distinzione tra patrimonio personale dei soci e patrimonio dell'impresa, per cui risulta strutturalmente difficile individuare criteri oggettivi/quantitativi di valutazione del merito del credito. Ciò implica un approccio diverso di valutazione del merito di credito rispetto alle società di capitali, diversamente strutturate. In sostanza, per CNA, Confcommercio, Confartigianato, Confesercenti e Casartigiani, le attuali regole premiano i valori di bilancio, dal fatturato al cash flow e questo penalizza le aziende che, pur avendo chiuso il 2009 con i conti in rosso, continuano ad avere prospettive di crescita. In quest'ottica è necessario valorizzare il ruolo delle associazioni di categoria e del sistema dei Confidi che, condividendo il rischio di credito delle imprese da loro garantite, sono in grado di contribuire a una corretta valutazione da parte delle banche del merito creditizio dell'impresa.

Una delle proposte avanzate dalle associazioni riguarda il Mezzogiorno, dove difficoltà di accesso al credito, fragilità patrimoniale dei Confidi, elevato costo del denaro, forte incidenza del fenomeno dell'usura, che penalizza la piccola e media imprenditorialità, sono ancora più accentuati che nel resto d'Italia.  (Fonte: Cna)

 

 

 

 

 
inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi