Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
TRASPORTO AEREO - American Airlines: inizio lavori del nuovo centro operativo di Fort Worth intitolato a Robert W. Baker. La struttura sarà completata nel 2015. FISCO - Moduli predisposti in ritardo dall'Agenzia delle Entrate, l'Ancl chiede la proroga per i modelli 770 VENDITE - Il Mondiale dello Shopping online: come le vittorie e le sconfitte hanno inciso sugli acquisti durante l’evento in Brasile. L'nfografica MyThings CODICE DELLA STRADA - Omicidio stradale: Nencini, abbiamo previsto l'ergastolo della patente..Non guidi più FISCO - Crediti verso la PA e istituti deflattivi: ampliati, con il DL n. 66/2014 convertito, i casi di applicazione LAVORO - Direttori marketing e direttori comunicazione: gli stipendi viaggiano appaiati BUSINESS - Logistica Collaborativa: l’Italia fa scuola. Dopo gli hub specializzati lanciati da CEVA Logistics in Italia, a Dubai apre i battenti la “Città dell’Energia” EFFICIENZA ENERGETICA - Veronafiere-Smart Energy 2014: un programma scientifico sempre più ricco, nel pieno del semestre europeo di presidenza italiana GOVERNO - Conti pubblici: Padoan, taglio cuneo permanente con legge stabilità LAVORO - Rudy Project e Gea: dall'innovazione di prodotto sportivo all'innovazione nelle Risorse Umane EDILIZIA - Scia e Permesso di costruire: pubblicati in G.U. gli schemi semplificati CRISI - Lavoro: Cgia, del milione di lavoratori che in questi anni ha perso il posto di lavoro, oltre 420 mila sono autonomi FISCO - Moratoria dei finanziamenti alle Pmi: proroga al 31 dicembre 2014 FISCO - Deducibilità Ace: novità del Decreto Competitività UE - Consiglio europeo: Van Rompuy candida Enrico Letta a presidente SENATO - Riforme: discussione generale e si chiude, forse, domani. Molti i lavori in scadenza ENERGIA - Governo Renzi: Marsiglia (Federpetroli), riforma Titolo V blocca investimenti petroliferi. Si sta procedendo nella direzione sbagliata POS - Obbligo di accettazione per esercenti e professionisti: Mise, avviato il tavolo di confronto annunciato dal ministro Guidi INNOVAZIONE - iNebula: online il nuovo portale con più servizi dedicati ai business partner UE - Importazione riso: governo richiede adozione di misure di salvaguardia europee nei confronti dell'importazione di riso greggio cambogiano

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home
CREDITO - Basilea2: l'opinione del Patto di Capranica PDF Stampa E-mail
Tweet me!
Approfondimenti
AddThis Social Bookmark Button

basilea_2.1Nella pratica, le modalità con cui sono stati introdotti i criteri di Basilea 2 hanno reso più difficoltoso e oneroso l'accesso al credito per le imprese minori, l'ossatura del sistema imprenditoriale italiano. Per questo occorre venire incontro con urgenza al problema finanziario delle piccole e medie imprese, valorizzando il ruolo delle associazioni di categoria e del sistema dei Confidi, modificando «i requisiti patrimoniali delle banche e rendendoli più flessibili, per impedire che il credito, per le aziende che lo meritano, si riduca proprio nei momenti più difficili.

Sono queste alcune delle proposte congiunte avanzate da CNA, Confcommercio-Imprese per l'Italia, Confartigianato, Confesercenti e Casartigiani, le associazioni del cosiddetto Patto del Capranica (costituito nel 2006), nel corso di un'audizione alla VI Commissione finanze della Camera.

Basilea 2 ha come riferimento un sistema di imprese strutturate e di medio-grande dimensione, quali quelle che prevalentemente operano nei sistemi economici di matrice anglosassone. Il sistema imprenditoriale italiano, viceversa, presenta caratteristiche completamente diverse che male si adattano a sistemi standardizzati di valutazione del merito di credito. Questa specificità è facilmente desumibile dalla distribuzione delle imprese per forma giuridica. Le imprese individuali sono oltre 2,8 milioni e rappresentano il 64,7% del totale, mentre il 18,8%, pari a oltre 822 mila imprese, è costituito da società di persone.

Secondo le cinque associazioni, l'imprenditoria di tipo personale costituisce l’'83,50% delle imprese italiane. Per questi soggetti non c'è distinzione tra patrimonio personale dei soci e patrimonio dell'impresa, per cui risulta strutturalmente difficile individuare criteri oggettivi/quantitativi di valutazione del merito del credito. Ciò implica un approccio diverso di valutazione del merito di credito rispetto alle società di capitali, diversamente strutturate. In sostanza, per CNA, Confcommercio, Confartigianato, Confesercenti e Casartigiani, le attuali regole premiano i valori di bilancio, dal fatturato al cash flow e questo penalizza le aziende che, pur avendo chiuso il 2009 con i conti in rosso, continuano ad avere prospettive di crescita. In quest'ottica è necessario valorizzare il ruolo delle associazioni di categoria e del sistema dei Confidi che, condividendo il rischio di credito delle imprese da loro garantite, sono in grado di contribuire a una corretta valutazione da parte delle banche del merito creditizio dell'impresa.

Una delle proposte avanzate dalle associazioni riguarda il Mezzogiorno, dove difficoltà di accesso al credito, fragilità patrimoniale dei Confidi, elevato costo del denaro, forte incidenza del fenomeno dell'usura, che penalizza la piccola e media imprenditorialità, sono ancora più accentuati che nel resto d'Italia.  (Fonte: Cna)

 

 

 

 

 
inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi