Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
CONSUMI -Vendita diretta: Avedisco, da italiani sempre più fiducia GOLDEN POWER Terna e RAI Way: Cdm, non esercizio dei poteri speciali DECRETI ATTUATIVI - Cdm: ministro Boschi ha aggiornato il governo sullo stato di attuazione MALTEMPO - Cdm: questi gli stati d'emergenza e stanziamenti per la ricostruzione in seguito a eventi meteorologici LIGURIA - Leggi: Cdm impugna n. 24/09/2014 sulla caccia CICLOTURISMO - Eurovelo8, la Pista ciclabile del Mediterraneo: presentato il progetto che tocca 11 Paesi del Mediterraneo GREEN ECONOMY - Rifiuti ed energia: a Ecomondo “scende in piazza” il compost PROFESSIONI - Amministratori di condominio: tutti i numeri dell'Anammi ENERGIA - Fonti rinnovabili: Kad3 Group leader nella cogenerazione di piccola e media taglia ENERGIA - E.On: con eBay negozio online per risparmiare. Sconti e opportunità di acquisto su prodotti per il consumo efficiente SOSTENIBILITA' - Bilancio Sace 2013: ottiene il primo certificato di assurance per il Bilancio 2013 (B+) MADE IN ITALY - Tre eccellenze collaborano con il Premio Arte Laguna: creare un proprio distintivo posizionamento nel mercato ASSICURAZIONI - Roberto con Linear spende 226€ per la sua Rc Auto, e tu? Scoprilo su Linear.it (pubblicità) RIPRESA - Intergruppo Parlamentare per la Sussidiarietà: lunedì 27 ottobre in Lombardia con il Viaggio nell’Italia che riparte AZIENDE - Noleggio a lungo termine: è Leasys l'esperto per il noleggio a lungo termine al "Veicoli Commerciali Day" di sabato 25 ottobre LEGGE STABILITA' - Pensioni: il pagamento slitterà al 10 del mese solo per chi ha doppio assegno LAVORO - Openjobmetis presenta un nuovo sondaggio dedicato al sorriso in azienda: risposta affermativa per più del 70% FISCO - Acri su incremento tassazione Fondazioni: il salto è da 100 a 360 milioni di euro e la retroattività può intaccare il sostegno ad attività già programmate DOMOTICA - Home and Building: anche smart grid, IoT ed efficienza energetica alla sesta edizione a Verona il 28 e 29 ottobre REGIONI - Sardegna: Sardegna Ricerche, presentate le attività di divulgazione scientifica del 2015

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home Bandi CRISI - Imprese: Banca d'Italia, aumentano i fallimenti e nascono poche imprese
CRISI - Imprese: Banca d'Italia, aumentano i fallimenti e nascono poche imprese PDF Stampa E-mail
Tweet me!
News
AddThis Social Bookmark Button

imprenditore_in_difficoltContinuano ad aumentare i fallimenti delle imprese e si riducono le nascite. Lo rileva la relazione annuale di Banca d'Italia indicando come nel 2011 il tasso di natalità delle imprese è sceso allo 0,8%, poco al di sopra dei valori osservati nel biennio 2008-09, per effetto di una marcata riduzione delle nascite e, in misura minore, di un aumento delle cessazioni

Il numero dei fallimenti aziendali avviati è salito a oltre 12.000, il 7,4% in più rispetto al 2010 che già era risultato superiore del 19,8% a quello dell'anno precedente, interessando quasi tutti i principali settori produttivi. E i dati del primo trimestre 2012 mostrano un saldo negativo di 26mila imprese, dovuto al forte aumento delle cessazioni (8,5% rispetto al trimestre corrispondente) e alla contemporanea, seppur lieve, riduzione delle iscrizioni, con gli ingressi in procedura fallimentare (oltre 3mila) aumentati del 4,2% rispetto al trimestre corrispondente.

Analisi condotte sui dati dell'indagine della Banca d'Italia presso le imprese dell'industria e dei servizi privati non finanziari con almeno 20 addetti (Invind) mostrano come in tutte le recenti fasi cicliche (il periodo 2000-07 di forte sviluppo dell'economia mondiale, la recessione del 2008-09, la breve ripresa del 2010) la dinamica del valore delle vendite e le previsioni di espansione futura siano migliori per le imprese caratterizzate da un maggior orientamento ai mercati esteri, da una spiccata capacità innovativa e da cospicui investimenti in ricerca e sviluppo.

Inoltre, nel 2012 le imprese prevedono una "riduzione del personale, la quarta consecutiva, più accentuata rispetto all'anno prima". Le imprese stimano un taglio degli organici dell'1,1%, "il calo, superiore a quello registrato nel 2011 (-0,2%) - si legge nell'indagine - sarebbe più accentuato nell'industria in senso stretto e tra le imprese di minori dimensioni. Il 36% delle imprese (32,6% nel 2011) prevede quest'anno un ridimensionamento del personale: di esse la metà aveva già ridotto gli organici nel 2011".

 

Ricevi gratis gli aggiornamenti di questo sito:

Fornito da FeedBurner

inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi