Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
UE - Tetto alle commissioni interbancarie per le carte di credito: le carte aziendali non sono coinvolte. AirPlus accoglie con favore la decisione POVERTA' - Lavoro autonomo: Cupla: dai pensionati 100mila lettere a Governo e Parlamento FUSIONI - Nasce Utilitala da Federambiente (igiene ambientale) e FederUtility (energia, gas e acqua): 577 imprese, 40 mld di valore della produzione, 90mila addetti L. STABILITA' - Senato: testo in Aula con un maxi-emendamento del governo CONSUMATORI - Gift card Feltrinelli: Adiconsum ottiene il rinnovo per quelle con importo residuo e scadenza illimitata per le nuove card VENDITE - Signorsconto.it: l'e-coupon, un vantaggio (anche) per le aziende DENARO - La questione Bitcoin: terminato alla Camera il primo dei tre incontri. Non è falsificabile, ma è riciclabile. Servono regole precise con vigilanza Banca d'Italia CSR - Aeroporti di Roma: "Care to fly", trasporto door to door (porta a porta) per i passeggeri a ridotta mobilità PA - Auto blu: in circolazione oltre mille, dovevano scendere a 93 GOVERNO - Le urgenze: riforme, legge di stabilità, Jobs act, Ilva, marò, Quirinale, Europa EXPO 2015 - Conferenza imprese: focus su dimensione business EFFICIENZA ENERGETICA - Comitato termotecnico italiano: nuovo libretto d'impianto, sul sito già disponibili i file compilabili AMBIENTE - progetto Ue “GuardEn”: strategie locali per la prevenzione del rischio ambientale e la riabilitazione dei territori danneggiati dall’inquinamento di acqua e suolo INTERNAZIONALIZZAZIONE - Cuba: per Sace opportunità e nuove operazioni (infrastrutture e meccanica) MADE IN ITALY - Datalogic: cresce in Sud America e viene premiata in Brasile per le sue attività locali nel settore manifatturiero” SICUREZZA IT - Check Point: Misfortune Cookie e un intruso controlla da remoto il router per attaccare i dispositivi connessi CONSUMATORI - Adiconsum: anticipare i saldi già da quest'anno in tutta Italia. La data? Da sabato 27 dicembre PROFESSIONSTI - Libera circolazione Ue : guida all'utente per il riconoscimento delle qualifiche professionali GIOVANI - Australia: Northern Territory è un ottimo punto di partenza per chi decide di intraprendere una vacanza-lavoro UE - Consiglio: ultimo del semestre a presidenza italiano. Renzi partecipa all'incontro Ttip e all'Italian Innovation Day

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home Bandi IMPRESE - Emilia Romagna: nei primi 3 mesi, la maggiore chiusura degli ultimi 10 anni
IMPRESE - Emilia Romagna: nei primi 3 mesi, la maggiore chiusura degli ultimi 10 anni PDF Stampa E-mail
Tweet me!
News
AddThis Social Bookmark Button

impresa-edileIn un solo trimestre, 4.149 imprese emiliano-romagnole in meno. É la più ampia diminuzione nell'ultimo decennio. La flessione colpisce soprattutto il settore delle costruzioni (-1.176 imprese) e le ditte individuali (-3.878). Tengono le società di capitali (+292) e le cooperative (+90). Meno iscrizioni e più cessazioni: è così che, nel primo trimestre del 2012, si è allargata la forbice della vitalità delle imprese, tra chi sceglie di entrare sul mercato creando una nuova attività e chi, al contrario, ne è uscito.

In particolare, rispetto allo stesso periodo del 2011, le iscrizioni di imprese (9.657) sono nettamente diminuite, a fronte di un considerevole aumento delle cessazioni (13.547). Il tasso di natalità è risultato pari al 2,0 per cento, quello di mortalità si è attestato al 2,8 per cento. Al 31 marzo 2012 le imprese registrate sono risultate 471.911, con una diminuzione pari a 3.805 unità, -0,8 per cento rispetto alla fine del trimestre precedente. In Italia la flessione è stata dello 0,4 per cento.

Questo, in sintesi, il quadro che emerge da una elaborazione dell'Unioncamere Emilia-Romagna sulla base dei dati Movimprese delle Camere di commercio. Anche per il sistema imprenditoriale regionale l'uscita dal tunnel della crisi appare distante, nonostante l'impegno di tanti imprenditori a innovare e a esportare nei mercati emergenti.

Il perdurare della crisi del settore delle costruzioni, le difficoltà dell'industria e gli effetti negativi sulla domanda interna e sui consumi si sono riflessi sulla struttura imprenditoriale regionale. I settori di attività economica che hanno maggiormente contribuito a determinare la riduzione delle imprese attive sono stati le costruzioni (-1.176 unità, -1,6 per cento), l'agricoltura, silvicoltura e pesca (-1.168 unità, -1,7 per cento), l'insieme del commercio all'ingrosso e al dettaglio e della riparazione di autoveicoli e motocicli (-985 unità, -1,0 per cento) e le attività manifatturiere (-585 unità, -1,2 per cento). L'agricoltura è caratterizzata da una progressiva tendenza alla riduzione del numero delle imprese, un dato non necessariamente negativo se accompagnato da processi di razionalizzazione e consolidamento di quelle esistenti. Tuttavia non possono essere sottovalutate le difficoltà degli altri settori che costituiscono la base produttiva regionale e di gran parte dell'aggregato dei servizi.

 

Ricevi gratis gli aggiornamenti di questo sito:

Fornito da FeedBurner

inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi