Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
RIPRESA - Occupazione: 200 aziende europee preparano un'alleanza per dare lavoro a più di 100mila giovani AUTONOLEGGIO - Leasys è partner di Auto Aziendali in Pista: il 27 settembre uno sportello dedicato al noleggio a lungo termine IMPRESE - Boom di spese per le trasferte dei dipendenti: dall'Italia la soluzione di Edenred per i manager francesi DEGUSTAZIONI - San Vito Lo Capo: domani al via 17^ Cous Cous Fest con dieci paesi in gara AMBIENTE - Rifiuti: la Calabria accoglie con successo i riciclatori, sistemi incentivanti per la raccolta differenziata CRISI - Italiani meno protestati: -24,5% i “pagherò” tra gennaio e maggio 2014. Gli assegni scoperti calano del 29% SOLIDARIETA' - Sport: grande successo per la prima Mezza Maratona di Vicenza IMPRESE - Debiti della PA: precisazione da Palazzo Chigi IMPRESE - Debiti Pa: Bortolussi (Cgia), le cose non stanno come dice Renzi. Alle imprese spettano altri 35 miliardi AGROALIMENTARE - Coface e Confagricoltura: partnership per lo sviluppo del settore ENERGIA - Impianti eolici: Puglia, Cdm delibera la possibilità di procedere TRATTATI E ACCORDI INTERNAZIONALI - Cdm: le norme approvate. E attuazione regolamento per le importazioni di legname nella Comunità europea REGIONI-Leggi: Cdm ne esamina 22 senza impugnarle EVENTI - Gusto: A Roma torna il Salone Internazionale della Birra Artigianale (3/4/5 ottobre) SEMPLIFICAZIONE FISCALE - Cdm: abolita la responsabilità solidale tra appaltatore e subappaltatore – Lupi: “Giusto, ognuno risponda al fisco per quello che fa” INTERNAZIONALIZZAZIONE - Sace: rafforza e amplia il proprio impegno per le Pmi un nuovo Fondo che sottoscriverà titoli obbligazionari emessi da imprese con vocazione all’export e allo sviluppo internazionale (Contatti per le imprese) EXPORT - Campagna "Think Asia, Think Hong Kong": Hong Kong incontra l'Italia del business a Milano il 30 ottobre SALUTE - Controldust Ek: la soluzione ecologica per abbattere le polveri su sterrato, cave e cantieri DIGITALE - App4Mi: vince il “Premio dei Premi per l’Innovazione” INNOVAZIONE - Startup: Buzzoole vince l'Intel Business Challenge Europe 2014

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home Bandi IMPRESE - Emilia Romagna: nei primi 3 mesi, la maggiore chiusura degli ultimi 10 anni
IMPRESE - Emilia Romagna: nei primi 3 mesi, la maggiore chiusura degli ultimi 10 anni PDF Stampa E-mail
Tweet me!
News
AddThis Social Bookmark Button

impresa-edileIn un solo trimestre, 4.149 imprese emiliano-romagnole in meno. É la più ampia diminuzione nell'ultimo decennio. La flessione colpisce soprattutto il settore delle costruzioni (-1.176 imprese) e le ditte individuali (-3.878). Tengono le società di capitali (+292) e le cooperative (+90). Meno iscrizioni e più cessazioni: è così che, nel primo trimestre del 2012, si è allargata la forbice della vitalità delle imprese, tra chi sceglie di entrare sul mercato creando una nuova attività e chi, al contrario, ne è uscito.

In particolare, rispetto allo stesso periodo del 2011, le iscrizioni di imprese (9.657) sono nettamente diminuite, a fronte di un considerevole aumento delle cessazioni (13.547). Il tasso di natalità è risultato pari al 2,0 per cento, quello di mortalità si è attestato al 2,8 per cento. Al 31 marzo 2012 le imprese registrate sono risultate 471.911, con una diminuzione pari a 3.805 unità, -0,8 per cento rispetto alla fine del trimestre precedente. In Italia la flessione è stata dello 0,4 per cento.

Questo, in sintesi, il quadro che emerge da una elaborazione dell'Unioncamere Emilia-Romagna sulla base dei dati Movimprese delle Camere di commercio. Anche per il sistema imprenditoriale regionale l'uscita dal tunnel della crisi appare distante, nonostante l'impegno di tanti imprenditori a innovare e a esportare nei mercati emergenti.

Il perdurare della crisi del settore delle costruzioni, le difficoltà dell'industria e gli effetti negativi sulla domanda interna e sui consumi si sono riflessi sulla struttura imprenditoriale regionale. I settori di attività economica che hanno maggiormente contribuito a determinare la riduzione delle imprese attive sono stati le costruzioni (-1.176 unità, -1,6 per cento), l'agricoltura, silvicoltura e pesca (-1.168 unità, -1,7 per cento), l'insieme del commercio all'ingrosso e al dettaglio e della riparazione di autoveicoli e motocicli (-985 unità, -1,0 per cento) e le attività manifatturiere (-585 unità, -1,2 per cento). L'agricoltura è caratterizzata da una progressiva tendenza alla riduzione del numero delle imprese, un dato non necessariamente negativo se accompagnato da processi di razionalizzazione e consolidamento di quelle esistenti. Tuttavia non possono essere sottovalutate le difficoltà degli altri settori che costituiscono la base produttiva regionale e di gran parte dell'aggregato dei servizi.

 

Ricevi gratis gli aggiornamenti di questo sito:

Fornito da FeedBurner

inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi