Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
L.STABILITA' - Riccometro Isee: da gennaio patrimonio e reddito familiare verranno incrociati con i corrispettivi bancari. Chi rischia di più PUBBLICITA' DIGITALE - Turn: i trend del 2015 in tema di advertising programmatico e data-driven LAVORO - Flaica: rivoluzione in Mercedes. Per la prima volta il premio aziendale verrà diviso in parte uguali tra tutti i dipendenti che siano essi manager, impiegati o operai PETROLIO - Opec: Marsiglia (FederPetroli), era necessaria una politica di stabilità in questo momento LAVORO - Jobs act: Longobardi (Ancl), banco di prova saranno i decreti attuativi LAVORO - Ricerca globale Amway sull'Imprenditorialità: l'offerta formativa in Italia, ritenuta non sufficiente dal 64% degli intervistati GOVERNO - Cdm: convocato lunedì 1° dicembre alle ore 21. È inoltre in programma una seduta del Consiglio dei Ministri domenica 30 novembre all'atto dell'approvazione del disegno di legge di stabilità 2015 RIFIUTI - Rovistare nei contenitori: vietato a Napoli con ordinanza sindaco. Multa da 500 euro LAVORO - Jobs act: Renzi, diamo diritti a chi è dimenticato da sindacato. Cgil e Uil scioperano contro di noi, non lo fecero contro Monti PROFESSIONI - Associative: Colap firma accordo con organismi di certificazione PRIVATIZZAZIONI - Padoan al Senato conferma obiettivo 0,7% Pil per 3 anni: il 2014 si chiuderà con diversi risultati positivi LAVORO - Occupazione:stranieri tasso più alto di quello degli italiani CREDITO - Accordo Confidi Regione Campania e Unicredit: a favore delle Pmi, grazie alla provvista fornita dalla Banca Centrale Europea (Bce) MADE IN ITALY - Il Progetto di Marchio Unico Nazionale: protagonista di “Matching”, la tre giorni della Compagnia delle Opere OSPITALITA' - IHG® Rewards Club. quest’anno vince 5 Freddie Awards come miglior programma di fidelizzazione tra le catene alberghiere CREDITO - Sace: garantisce la vedita di 15 aeromobili ATR all'indonesiana Lion Air INFANZIA - Ricerca Duracel: in Italia un bambino su quattro è schermo-dipendente FOTOGRAFIA - Mobile: Picwant con Riccardo Venturi per un reportage con smartphone da Haiti L. STABILITA' - Welfare: Palazzi (Anap), proposte per tutelare gli anziani AMBIENTE - Forum QualEnergia: governo Renzi bocciato su politiche ambientali

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home Bandi IMPRESE - Emilia Romagna: nei primi 3 mesi, la maggiore chiusura degli ultimi 10 anni
IMPRESE - Emilia Romagna: nei primi 3 mesi, la maggiore chiusura degli ultimi 10 anni PDF Stampa E-mail
Tweet me!
News
AddThis Social Bookmark Button

impresa-edileIn un solo trimestre, 4.149 imprese emiliano-romagnole in meno. É la più ampia diminuzione nell'ultimo decennio. La flessione colpisce soprattutto il settore delle costruzioni (-1.176 imprese) e le ditte individuali (-3.878). Tengono le società di capitali (+292) e le cooperative (+90). Meno iscrizioni e più cessazioni: è così che, nel primo trimestre del 2012, si è allargata la forbice della vitalità delle imprese, tra chi sceglie di entrare sul mercato creando una nuova attività e chi, al contrario, ne è uscito.

In particolare, rispetto allo stesso periodo del 2011, le iscrizioni di imprese (9.657) sono nettamente diminuite, a fronte di un considerevole aumento delle cessazioni (13.547). Il tasso di natalità è risultato pari al 2,0 per cento, quello di mortalità si è attestato al 2,8 per cento. Al 31 marzo 2012 le imprese registrate sono risultate 471.911, con una diminuzione pari a 3.805 unità, -0,8 per cento rispetto alla fine del trimestre precedente. In Italia la flessione è stata dello 0,4 per cento.

Questo, in sintesi, il quadro che emerge da una elaborazione dell'Unioncamere Emilia-Romagna sulla base dei dati Movimprese delle Camere di commercio. Anche per il sistema imprenditoriale regionale l'uscita dal tunnel della crisi appare distante, nonostante l'impegno di tanti imprenditori a innovare e a esportare nei mercati emergenti.

Il perdurare della crisi del settore delle costruzioni, le difficoltà dell'industria e gli effetti negativi sulla domanda interna e sui consumi si sono riflessi sulla struttura imprenditoriale regionale. I settori di attività economica che hanno maggiormente contribuito a determinare la riduzione delle imprese attive sono stati le costruzioni (-1.176 unità, -1,6 per cento), l'agricoltura, silvicoltura e pesca (-1.168 unità, -1,7 per cento), l'insieme del commercio all'ingrosso e al dettaglio e della riparazione di autoveicoli e motocicli (-985 unità, -1,0 per cento) e le attività manifatturiere (-585 unità, -1,2 per cento). L'agricoltura è caratterizzata da una progressiva tendenza alla riduzione del numero delle imprese, un dato non necessariamente negativo se accompagnato da processi di razionalizzazione e consolidamento di quelle esistenti. Tuttavia non possono essere sottovalutate le difficoltà degli altri settori che costituiscono la base produttiva regionale e di gran parte dell'aggregato dei servizi.

 

Ricevi gratis gli aggiornamenti di questo sito:

Fornito da FeedBurner

inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi