Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
LEGGE STABILITA' - Tfr in busta paga: sarà su base volontaria e soggetto a tassazione ordinaria SOSTENIBILITA' - Ambiente: a scuola di turismo green. I laboratori gratuiti di ViaggiVerdi a Fa' la cosa giusta! Trento dal 24 al 26 ottobre EXPORT - Rete di impresa: Pastanet, marchio unico di un'azienda bolognese e una comasca. Il supporto di Camera di commercio di Bologna e Unioncamere Emilia-Romagna INTERNAZIONALIZZAZIONE - Certificati e visure camerali: si potranno richiedere anche in lingua inglese FISCO - Scadenze: imprese e famiglie verseranno € 91 mld tra novembre e dicembre. Le scadenze sono 25: praticamente una ogni 2 giorni LAVORO - Distrazioni: tecnologie e strumenti ci aiutano a essere più produttivi SOLIDARIETA' - Unindustria Como incontra la Fondazione Ambrosoli e l'imprenditoria sociale: RIPRESA - Imprenditoria a confronto, dalla Marca trevigiana prende il via la terza edizione di "Rimettere le scarpe ai sogni" EXPORT - MiSe in Marocco: Sace annuncia € 200 milioni di nuove operazioni allo studio FORMAZIONE - È arrivato Scontistudenti.it Lo store online con sconti e offerte per studenti e docenti GIOVANI - Servizio civile in Italia: bando speciale per la selezione di n. 1.304 volontari da impiegare in progetti autofinanziati PREMI - Fotografia naturalistica: Oasis PhotoContest 2014. scrizioni aperte fino al 31 dicembre 2014 DL COMPETITIVITA' - Energia: Guidi firma i primi tre provvedimenti di attuazione delle norme per la riduzione delle bollette elettriche, in particolare per le Pmi COMMERCIALISTI - Convegno Antiriciclaggio, dalla teoria alla pratica: Ziccardi, rischio di impegnare risorse per obblighi burocratici CRISI - Povertà: Adiconsum, governo vari piano di contrasto a povertà. Aderiamo a "Alleanza contro povertà" CARBURANTI - Auchan abbassa il prezzo della benzina sotto 1.6 € per litro: da sabato 18 ottobre 2014 ENOGASTRONOMIA - “Enologica 2014” - 22 - 24 novembre, la Via Emilia racconta la filiera del cibo dell’Emilia Romagna (Bologna, Palazzo Re Enzo) GIOVANI - Concorso nazionale Lifebility Award: progetti e idee innovative sostenibili e sociali. Sei le categorie BUSINESS - Marocco: un potenziale di export inespresso. La scheda Paese di Sace INNOVAZIONE - Liuc: Lab#ID trasferisce tecnologia RFId/NFC a Smau 2014

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home Bandi IMPRESE - Emilia Romagna: nei primi 3 mesi, la maggiore chiusura degli ultimi 10 anni
IMPRESE - Emilia Romagna: nei primi 3 mesi, la maggiore chiusura degli ultimi 10 anni PDF Stampa E-mail
Tweet me!
News
AddThis Social Bookmark Button

impresa-edileIn un solo trimestre, 4.149 imprese emiliano-romagnole in meno. É la più ampia diminuzione nell'ultimo decennio. La flessione colpisce soprattutto il settore delle costruzioni (-1.176 imprese) e le ditte individuali (-3.878). Tengono le società di capitali (+292) e le cooperative (+90). Meno iscrizioni e più cessazioni: è così che, nel primo trimestre del 2012, si è allargata la forbice della vitalità delle imprese, tra chi sceglie di entrare sul mercato creando una nuova attività e chi, al contrario, ne è uscito.

In particolare, rispetto allo stesso periodo del 2011, le iscrizioni di imprese (9.657) sono nettamente diminuite, a fronte di un considerevole aumento delle cessazioni (13.547). Il tasso di natalità è risultato pari al 2,0 per cento, quello di mortalità si è attestato al 2,8 per cento. Al 31 marzo 2012 le imprese registrate sono risultate 471.911, con una diminuzione pari a 3.805 unità, -0,8 per cento rispetto alla fine del trimestre precedente. In Italia la flessione è stata dello 0,4 per cento.

Questo, in sintesi, il quadro che emerge da una elaborazione dell'Unioncamere Emilia-Romagna sulla base dei dati Movimprese delle Camere di commercio. Anche per il sistema imprenditoriale regionale l'uscita dal tunnel della crisi appare distante, nonostante l'impegno di tanti imprenditori a innovare e a esportare nei mercati emergenti.

Il perdurare della crisi del settore delle costruzioni, le difficoltà dell'industria e gli effetti negativi sulla domanda interna e sui consumi si sono riflessi sulla struttura imprenditoriale regionale. I settori di attività economica che hanno maggiormente contribuito a determinare la riduzione delle imprese attive sono stati le costruzioni (-1.176 unità, -1,6 per cento), l'agricoltura, silvicoltura e pesca (-1.168 unità, -1,7 per cento), l'insieme del commercio all'ingrosso e al dettaglio e della riparazione di autoveicoli e motocicli (-985 unità, -1,0 per cento) e le attività manifatturiere (-585 unità, -1,2 per cento). L'agricoltura è caratterizzata da una progressiva tendenza alla riduzione del numero delle imprese, un dato non necessariamente negativo se accompagnato da processi di razionalizzazione e consolidamento di quelle esistenti. Tuttavia non possono essere sottovalutate le difficoltà degli altri settori che costituiscono la base produttiva regionale e di gran parte dell'aggregato dei servizi.

 

Ricevi gratis gli aggiornamenti di questo sito:

Fornito da FeedBurner

inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi