Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
GIOVANI - Ecco gli startupper di domani: le 10 idee più belle VENDEMMIA 2014 - Nordest: stagionalità invertite e piovosità hanno messo in crisi il settore. Annata salvata grazie alla professionalità dei viticoltoi CSR - AirPlus International: prima edizione italiana del Rapporto sulla Responsabilità Sociale d’Impresa FORMAZIONE - Efficienza energetica: progetto europeo Bricks coordinato dall'Enea CSR - Sostenibilità: Grant Thornton, due imprese su tre donano tempo o fondi NOMINE - Parco dei Principi Grand Hotel & Spa: Francesca Romana Giancola, nuova Director of Meetings and Events PMI - Assemblea europea: Guidi, rilancio attraverso innovazione, estero e finanza FORMAZIONE - Coaching: strumento anticrisi e stile di gestione aziendale (Milano, 24/25 ottobre) MADE IN ITALY - Cariparma Crédit Agricole e Sace: 10 milioni di euro per sostenere l'export del Gruppo De Cecco ICT - Cegeka: completa l'acquisizione di Brain Force con le sue filiali in Italia, Austria, Repubblica Ceca, Germania, Paesi Bassi e Slovacchia WELFARE - Nuovo Isee: Poletti, partirà dal 1° gennaio 2015 BUSINESS - Immobiliare, una guida per favorire l'acquisto dall'estero INNOVAZIONE - Dronitaly: dai droni civili il futuro dell'agricoltura CLOUD - Pmi: Zipwire, una nuova piattaforma che semplifica le operazioni dei contact center ARTICOLO 18 - Licenziamenti e contratti: ecco cosa cambierà con il Jobs Act di Renzi AEROPORTI - Decreto Linate: Lupi, sarà firmato entro stasera e non è vincolato alla sola durata dell'Expo ALIMENTARE - Etichette a semaforo: Face (Fed. Ass.ni Consumatori europee): la decisione UE, frutto anche nostro contributo FORMAZIONE - Condominio: come costruirsi un futuro da amministratore FORMAZIONE - ExpoTraining : presentato il Manifesto per la riforma della formazione aziendale e professionale ALIMENTARE - Etichette a semaforo: Adiconsum: soddisfazione per il "no" della Ue. Contro obesità serve Campagna educazione alimentare

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home ABC dell'impresa Tutela di marchi UE - Parlamento: fermo no alle pratiche commerciali sleali della Cina
UE - Parlamento: fermo no alle pratiche commerciali sleali della Cina PDF Stampa E-mail
Tweet me!
News
AddThis Social Bookmark Button

ET090309_solarIn una risoluzione adottata oggi, mercoledì 23 maggio, il Parlamento invita l'Unione europea ad agire unita contro la concorrenza sleale della Cina e per ripristinare l'equilibrio negli scambi commerciali. Il primo passo dovrebbe essere quello di ottenere un quadro chiaro della penetrazione cinese nelle economie europee, con la creazione di un organismo preposto al controllo degli investimenti cinesi nelle imprese europee e degli acquisti di debito sovrano europeo. "Desideriamo il riequilibrio delle relazioni commerciali con la Cina, per un nuovo partenariato - ha dichiarato prima della votazione l'eurodeputata francese Marielle de Sarnez, autrice della risoluzione - "dobbiamo proteggere le aziende europee da problemi quali le barriere commerciali, la contraffazione e il dumping monetario".

Nel testo adottato per alzata di mano, i deputati hanno evidenziato l'enorme surplus commerciale della Cina (168 miliardi di euro nel 2010), ma anche i problemi incontrati dalle imprese europee che vogliono esportare in Cina oppure investire in tale paese, in modo particolare nel settore bancario, assicurativo e delle telecomunicazioni. A loro parere, un organismo di controllo dell'Unione europea, simile al "Review Board" degli Stati Uniti, sarebbe in grado di fornire una valutazione ex-ante degli investimenti strategici stranieri. I deputati invitano inoltre la Banca centrale europea a collaborare con gli Stati membri per individuare i detentori di debito sovrano nella zona euro.

Il Parlamento ha sottolineato i vantaggi di cui gode la Cina, membro dell'Omc, grazie alla concorrenza sleale, raggirando le stesse regole dell'Omc per fornire alle sue imprese sovvenzioni statali sleali e crediti all'esportazione. Inoltre, la Cina blocca gli appalti pubblici delle imprese europee, nonostante l'Ue garantisca l'accesso al proprio mercato degli appalti pubblici delle imprese cinesi. I deputati invitano pertanto la Commissione a elaborare, se possibile entro quest'anno, uno strumento europeo volto a garantire reciprocità per quanto riguarda l'apertura dei mercati degli appalti pubblici.

 

Ricevi gratis gli aggiornamenti di questo sito:

Fornito da FeedBurner

inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi