Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
AGROALIMENTARE - Enea a Cibus 2014: innovazione tecnologica per le imprese BUSINESS - Mercato elettronico Pa: previste semplificazione per microimprese, reti d’impresa e start up ENERGIA - Sorgenia:presentati alle associazioni dei consumatori i risultati 2013 della Carta della Qualità dei Servizi DL LAVORO - Camera: calcolo maternita' per contratto tempo indeterminato CIRCOLAZIONE - Gomme da neve: come evitare le multe che scatteranno dal 15 maggio DEF - Aggiornamento lavori (h13): Senato e Camera GREEN ECONOMY - Protocollo intesa Enea e Ministero Affari esteri per uno sviluppo economico sostenibile PMI - Sistri: Agnelli ( Confimi Impresa), chiediamo al Ministero dell’Ambiente di convocare un tavolo di confronto per concordare misure differenti nell’applicazione di questo provvedimento prima della scadenza del 30 aprile CRISI - Confindustria: produzione industriale + 0,7% in marzo.Il sostegno al fatturato viene anche dall'interno DEF - Oggi decidono Camera e Senato: pressing su bonus Irpef, spending review e pensioni TURISMO - Mibact-Regioni: serve strategia nazionale di settore. Necessaria ristrutturazione Enit CODICE APPALTI - Recepimento direttive Ue: istituito tavolo tecnico al Mit LAVORO - Turismo religioso: ad aprile oltre 60 professionisti richiesti a Roma per la settimana delle canonizzazioni. Ma la richiesta non si ferma qui AMBIENTE - Ue: giro di vite sullo spreco di sacchetti di plastica. Galletti, vittoria italiana BANDI - Incubatore ComoNExT: dall'idea all'impresa. Massimo 5 progett, i piùi innovativi e fattivi STARTUP INNOVATIVE - Relazione annuale del Mise: Guidi, al centro della strategia di rilancio del sistema produttivo nazionale con effetti positivi sull’occupazione, in particolare giovanile UE - Pensione: I lavoratori comunitari che si spostano in un altro paese europeo potranno traferire la pensione integrativa NATURA - Eolico:Lipu, nuove norme a tutela orsi e rapaci in Abruzzo SENATO - Voto di scambio: via libera al ddl con 191 si' e 32 no INDICAZIONI GEOGRAFICHE - Aicig: incontro con Calenda per tutela nell’ambito del negoziato Ue-Usa (TTIP)

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home ABC dell'impresa Tutela di marchi UE - Parlamento: fermo no alle pratiche commerciali sleali della Cina
UE - Parlamento: fermo no alle pratiche commerciali sleali della Cina PDF Stampa E-mail
Tweet me!
News
AddThis Social Bookmark Button

ET090309_solarIn una risoluzione adottata oggi, mercoledì 23 maggio, il Parlamento invita l'Unione europea ad agire unita contro la concorrenza sleale della Cina e per ripristinare l'equilibrio negli scambi commerciali. Il primo passo dovrebbe essere quello di ottenere un quadro chiaro della penetrazione cinese nelle economie europee, con la creazione di un organismo preposto al controllo degli investimenti cinesi nelle imprese europee e degli acquisti di debito sovrano europeo. "Desideriamo il riequilibrio delle relazioni commerciali con la Cina, per un nuovo partenariato - ha dichiarato prima della votazione l'eurodeputata francese Marielle de Sarnez, autrice della risoluzione - "dobbiamo proteggere le aziende europee da problemi quali le barriere commerciali, la contraffazione e il dumping monetario".

Nel testo adottato per alzata di mano, i deputati hanno evidenziato l'enorme surplus commerciale della Cina (168 miliardi di euro nel 2010), ma anche i problemi incontrati dalle imprese europee che vogliono esportare in Cina oppure investire in tale paese, in modo particolare nel settore bancario, assicurativo e delle telecomunicazioni. A loro parere, un organismo di controllo dell'Unione europea, simile al "Review Board" degli Stati Uniti, sarebbe in grado di fornire una valutazione ex-ante degli investimenti strategici stranieri. I deputati invitano inoltre la Banca centrale europea a collaborare con gli Stati membri per individuare i detentori di debito sovrano nella zona euro.

Il Parlamento ha sottolineato i vantaggi di cui gode la Cina, membro dell'Omc, grazie alla concorrenza sleale, raggirando le stesse regole dell'Omc per fornire alle sue imprese sovvenzioni statali sleali e crediti all'esportazione. Inoltre, la Cina blocca gli appalti pubblici delle imprese europee, nonostante l'Ue garantisca l'accesso al proprio mercato degli appalti pubblici delle imprese cinesi. I deputati invitano pertanto la Commissione a elaborare, se possibile entro quest'anno, uno strumento europeo volto a garantire reciprocità per quanto riguarda l'apertura dei mercati degli appalti pubblici.

 

Ricevi gratis gli aggiornamenti di questo sito:

Fornito da FeedBurner

inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi