Fondato e diretto da Laura Cherubini: direttore@impresamia.it - Redazione: redazione@impresamia.it - Pubblicità: commerciale@impresamia.it
News
BUSINESS - Nuove tecnologie: le banche di tutto il mondo investiranno 16 miliardi di dollari nella trasformazione delle filiali INTERNET - Proposta di legge su Wi-fi libero e gratuito: Adiconsum la sostiene con forza. Per realizzare il cittadino digitale servono reali opportunità CIBUS TEC- FOOD PACK - Evluzione IV gamma e ultrafresco: food waste e left over, un’opportunità di business per la produzione alimentare FORMAZIONE - EF Englishtown: sapere l’inglese fa bene all’export TURISMO - Liberalizzazione spiagge: accolto dal Governo l'ordine del giorno firmato dai parlamentari di Forza Italia Nuccio Altieri e Roberto Marti INNOVAZIONE - Viaggi: iniziato crowdfunding per Relax ALLY® che aiuta ad addormentarsi e impedisce alla testa di cadere PMI - Assoretipmi: a Lecco il 12 novembre Convegno "Crisi della subfornitura delle Pmi – Le Reti di imprese come unica soluzione" IMPRESE - Acciai Speciali Terni: dal Mise proposte alternative per raggiungere obiettivi di ristrutturazione. L’ad Lucia Morselli ha incontrato il ministro Guidi ASSICURAZIONI - Towers Watson: le compagnie europee registrano una nuova ondata di consolidamento PRECISAZIONE - Ministero Infrastrutture e trasporti: nessun rifinanziamento del Ponte sullo Stretto di Messina BUSINESS - MatchingDay: il 13 dicembre imprenditori e professionisti si incontrano “one to one” a Mestre INVESTIMENTI - Banca Marche: Adiconsum, sono 40mila i piccoli azionisti che hanno visto crollare il valore delle proprie azioni LOGISTICA - Elupeg: Ceva relatore sulla logistica collaborativa in Italia CLOUD - Aspect: nuova soluzione di workforce management SICUREZZA IT - Kaspersky: la perdita di dati sensibili per aziende e infrastrutture causata da minacce interne INNOVAZIONE - Inventori cercasi: a Torino la prima Smart Home Hackathon, una competizione sul tema della casa connessa INTERNAZIONALIZZAZIONE - Sace e Banca Ubae: insieme per la crescita delle imprese italiane nei mercati emergenti a maggior potenziale RIPRESA - Assicurazione crediti: Coface, revisione delle valutazioni rischio Paese e sul contesto imprenditoriale LAVORO - Fiditalia alla ricerca di giovani talenti: appuntamento al Bocconi&Jobs 2014 MADE IN ITALY - Palestra 6.24 a Cernusco sul Naviglio: innovativi rivestimenti Pure Health, battericidi e autosanificanti. Inaugurazione sabato prossimo

Seguici su

IM-Impresamia su Twitter

Login

Effettua il login al sito per accedere a tutte le notizie non in abbonamento. _______________

Lavori parlamentari

Corsi Master Stage

Scadenze fiscali

Home ABC dell'impresa Notizie Studi di settore: la bocciatura viene dalle Pmi
Studi di settore: la bocciatura viene dalle Pmi PDF Stampa E-mail
Tweet me!
Notizie
AddThis Social Bookmark Button

Le Associazioni di categoria incontrano l’Agenzia delle Entrate

Le Pmi hanno manifestato il loro dissenso nei confronti degli studi di settore che al momento non fotografano adeguatamente la crisi economica, basandosi su dati del 2006.
Con la crisi economica, infatti, si è palesata la poca flessibilità di questo strumento, che potrebbe spingere, in qualche caso, le intenzioni di piccole imprese ed imprese artigiane a “sfidare” il fisco, non conformandosi ai livelli imposti e ritenendosi ingiustamente penalizzate.
Di questo si è parlato all’incontro del 12 febbraio scorso, tra l’Agenzia delle Entrate e le Organizzazioni dell’artigianato, del commercio e dei servizi, nel ribadire e riconoscere la necessità di garantire, proprio in riferimento all’attuale contesto economico, la validità degli studi di settore come strumento di equità e trasparenza fiscale, hanno sottolineato, come peraltro previsto dall’articolo 8 del decreto legge n. 185/2008 e evidenziato nella riunione della Commissione degli esperti del 6 novembre scorso, che la normalità economica fotografata dagli studi di settore costruita su dati del 2006, o precedenti, rappresenta un quadro economico che potrebbe divergere, talora in modo significativo, dai risultati che le imprese stanno conseguendo, a seguito della grave crisi economica e finanziaria.

Qui di seguito i passaggi che caratterizzeranno l’applicazione degli studi sul periodo d’imposta 2008 su cui l’Agenzia delle Entrate e le Organizzazioni di categoria hanno convenuto nell’incontro:
  1. Entro i primi di marzo, dovranno essere acquisiti i dati dalle fonti informative già attivate che consentiranno di intervenire sulla generalità degli studi per tenere conto dell’impatto della crisi in modo mirato e selettivo sia sui settori singolarmente considerati sia sulle diverse aree territoriali;
  2. Le informazioni che si otterranno attraverso le fonti sopra individuate saranno integrate con i dati che saranno raccolti attraverso appositi questionari, soprattutto con l’apporto delle Associazioni. Questi dati saranno utili  per consentire agli interventi sugli studi di essere i più selettivi e corretti possibili;
  3. Un primo intervento, realizzato, entro fine marzo, sulla base dei dati raccolti consentirà di mettere a disposizione dei contribuenti gli studi integrati con i correttivi necessari per tener conto della crisi e permettere, a chi lo ritenga opportuno, di adeguarsi nella prossima dichiarazione dei redditi. I soggetti congrui, naturalmente ovvero a seguito di adeguamento, che hanno indicato correttamente i dati sul modello, non potranno essere successivamente accertati a mezzo studi di settore;
  4. Ai fini dell’attività di controllo, ulteriori interventi sul sistema degli studi saranno realizzati entro il 2010, sulla base di una più ampia e precisa disponibilità di dati e delle stesse dichiarazioni acquisite per il 2008;
  5. Tutte le attività di revisione ed aggiornamento saranno effettuate nel rispetto delle normali procedure previste per gli studi di settore e, quindi, dovranno consentire la partecipazione attiva degli esperti delle Organizzazioni di categoria a cui saranno forniti adeguati elementi di valutazione per consentire di poter esprimere un parere in sede di Commissione degli esperti.

Si è convenuto, inoltre, sulla necessità:
  • che siano meglio ed ulteriormente definite  le caratteristiche dei soggetti che rientrano nel concetto di marginalità, per fornire elementi di chiarezza sia agli uffici locali delle entrate, sia ai contribuenti. E’ evidente, infatti, che specialmente in periodi  di crisi economica saranno più numerosi i soggetti che pur rimanendo in attività entreranno nella “marginalità” economica;
  • di procedere, con celerità, alla realizzazione e alla diffusione presso le associazioni di categoria dei prodotti di audit competitivo frutto dell’analisi della mole di informazioni contenute nella banca dati degli studi di settore.

L’Agenzia delle Entrate ha ribadito che in occasione dell’accertamento fiscale le Pmi possono far valere le eccezioni e le ragioni degli scostamenti rispetto a quanto indicato dagli studi di settore.

 

Ricevi gratis gli aggiornamenti di questo sito:

Fornito da FeedBurner

inncantiere2

Interviste del direttore

Convegno Unioncamere 05.07.2010

made_in_italy

I nostri servizi